Home Attualità Migranti: nel 2018 inviati 6,2 miliardi di Euro nei Paesi d’origine
Migranti: nel 2018 inviati 6,2 miliardi di Euro nei Paesi d’origine
0

Migranti: nel 2018 inviati 6,2 miliardi di Euro nei Paesi d’origine

0

Dopo anni di calo, le rimesse fanno registrare una notevole impennata. Nel 2018 i migranti hanno infatti inviato dall’Italia ai propri Paesi d’origine 6,2 miliardi di euro, lo 0,35% del PIL e oltre il 20% in più rispetto al 2017. Il record di quasi 8 miliardi raggiunto nel 2011 è ancora ineguagliato, ma stupiscono le performance di alcune comunità asiatiche, bengalesi in testa, alle quali fa da contraltare la “scomparsa” dei cinesi.

È quanto si scopre dalle elaborazioni della Fondazione Leone Moressa sui dati della Banca d’Italia, secondo le quali per la prima volta nel 2018 il Bangladesh è diventato il primo Paese di destinazione dei risparmi dei migranti, con oltre 730 milioni di euro complessivi (l’11,8% del totale), con una crescita del 35,7% nell’ultimo anno e volume quasi triplicato negli ultimi sei anni. La Romania, da dove arrivano oltre un milione di migranti, si ferma al secondo posto con un andamento stabile: +0,3% nell’ultimo anno e -14,3% negli ultimi sei.
Quattro tra i primi sei Paesi sono asiatici (Bangladesh, appunto, seguito da Filippine, Pakistan e India) e tra i Paesi dell’Asia meridionale si registrano anche gli incrementi maggiori, come il +73,9% del Pakistan o il +37% delle Filippine. La Cina, invece, che fino a pochi anni fa era in testa alla classifica dei volumi di invio, non è più nemmeno tra le prime quindici posizioni.  Tra una comunità e l’altra, variano anche gli importi inviati. Se la media  pro-capite (volume complessivo rimesse/residenti stranieri in Italia) è di 100 euro a persona al mese, tra i romeni si scende a  50 euro, tra i  marocchini a 66 euro, ma tra i senegalesi si schizza a oltre 300 euro, tra i bangladesi a oltre 460 euro.
Le Regioni dalle quali sono partite più rimesse sono la Lombardia (1,46 miliardi, +22,4%) e il Lazio (953 milioni, +22,2%), seguite da Emilia Romagna, Veneto e Toscana, tutte con oltre 500 milioni di euro inviati. Tra le province, guidano Roma (825,26 milioni) e Milano (741,86 milioni), che insieme concentrano oltre il 25% del volume complessivo. La forte concentrazione delle province del Centro-Nord nella zona alta della classifica rispecchia la maggiore incidenza di residenti stranieri sulla popolazione di quei territori.
Le rimesse rappresentano la prima forma di sostegno degli immigrati allo sviluppo dei paesi d’origine. Tuttavia si prestano a varie letture”, sottolinea Michele Furlan, presidente della Fondazione Leone Moressa. “Da un lato, evidenziano la disponibilità finanziaria degli immigrati, legata alla ripresa economica. Dall’altro lato sono mancati consumi e investimenti in loco. Una maggiore integrazione, dunque, dovrebbe portare ad un minor legame col paese d’origine”.

Lascia un commento

ULTIMI ARTICOLI



Moda Islamica Italiana, a settembre la prima “Boutique” Halal di alto livello creata da un’italiana musulmana

Non sarà un semplice negozio di abbigliamento islamico, ma una vera e propria Boutique Halal di altissimo livello, che non ha pari in Italia, infatti gli standard qualitativi, non verranno applicati solo ai servizi e prodotti offerti, ma anche all’arredamento interno. I locali saranno arredati in stile Shabby Chic, offrendo al visitatore un’esperienza sensoriale, tramite […]

Otto ragazze emiratine, tentano la scalata del Kilimangiaro

Otto giovani ragazze emiratine, tutte di età inferiore ai 18 anni, stanno compiendo in Africa, un grande evento sportivo, che servirà a sensibilizzare e incoraggiare le ragazze del proprio paese, a seguire e attuare i propri sogni: “la scalata del monte più alto del continente, il Kilimangiaro”. Le ragazze avranno 8 giorni di tempo per […]

Egitto, Gran Museo Egizio simbolo di collaborazione con il Giappone

Il Gran Museo Egizio (GEM), che aprirà nel 2022, è già un faro per la futura prosperità egizia. Costruito per mostrare la civiltà e il patrimonio egiziano, il museo ospiterà migliaia di monumenti e manufatti tra cui le mummie, oltre a ospitare un centro di restauro molto importante che contribuirà a preservare il patrimonio faraonico […]

L’Imam del Centro Islamico di Milano e Lombardia, rimprovera Salvini per l’uso dei simboli religiosi

A darne notizia è l’Adnkronos, dove afferma, che l’Imam del Centro Islamico di Milano e Lombardia Ali Abu Shwaima, abbia rimproverato tramite l’agenzia di stampa, il Ministro degli Interni Matteo Salvini, per i frequenti richiami ai simboli religiosi:”deve rappresentare tutto il popolo italiano e non solo una parte“, “Salvini non può presentarsi come fedele in Senato” e “deve […]

​Firenze, al via i corsi di lingua italiana per stranieri

​Sono aperte le pre-iscrizioni ai nuovi corsi di lingua italiana per adulti che si terranno da ottobre 2019 alla Biblioteca Pietro Thouar e alla BiblioteCaNova Isolotto. I corsi sono gratuiti.

Francia, tre giorni di dialogo tra cristiani e musulmani

E’ strutturato su 3 giorni, e finir domenica 25, l’evento di dialogo tra cristiani e musulmani per i ragazzi dai 18 ai 35 anni, incentrato sul Documento sulla fratellanza umana per la pace mondiale e la convivenza comune, firmato da Papa Francesco e dal Gran Imam Ahmad Al-Tayyib di Al-Azhar ad Abu Dhabi. Il Documento sarà presentato […]

UAE, si dimette l’Amministratore di Takaful Emarat Insurance

L’amministratore delegato di Takaful Emarat, Fadi Jawdat Hindi, ha rassegnato le dimissioni a decorrere dal 18 agosto, secondo quanto dichiarato dalla società il 19 agosto, che, però, non ha fornito alcuna spiegazione sul gesto del suo Ceo. Inoltre, non è stato ancora annunciato il nome del successore. L’assicuratore, conforme alla Shariah, ha registrato 1.187.575 dirham […]

Bando, progetti di integrazione e coesione sociale in Toscana

L’obiettivo dell’Avviso Pubblico è quello di sostenere un progetto di società civile che escluda l’abbandono e l’emarginazione di chi, anche straniero, dimora in Toscana ed è privo di mezzi di sostentamento e di reti per l’inserimento sociale e lavorativo attraverso il sostegno e la diffusione di interventi per l’inclusione e la coesione sociale. Si prevede […]