Home Attualità Migranti: nel 2018 inviati 6,2 miliardi di Euro nei Paesi d’origine
Migranti: nel 2018 inviati 6,2 miliardi di Euro nei Paesi d’origine
0

Migranti: nel 2018 inviati 6,2 miliardi di Euro nei Paesi d’origine

0

Dopo anni di calo, le rimesse fanno registrare una notevole impennata. Nel 2018 i migranti hanno infatti inviato dall’Italia ai propri Paesi d’origine 6,2 miliardi di euro, lo 0,35% del PIL e oltre il 20% in più rispetto al 2017. Il record di quasi 8 miliardi raggiunto nel 2011 è ancora ineguagliato, ma stupiscono le performance di alcune comunità asiatiche, bengalesi in testa, alle quali fa da contraltare la “scomparsa” dei cinesi.

È quanto si scopre dalle elaborazioni della Fondazione Leone Moressa sui dati della Banca d’Italia, secondo le quali per la prima volta nel 2018 il Bangladesh è diventato il primo Paese di destinazione dei risparmi dei migranti, con oltre 730 milioni di euro complessivi (l’11,8% del totale), con una crescita del 35,7% nell’ultimo anno e volume quasi triplicato negli ultimi sei anni. La Romania, da dove arrivano oltre un milione di migranti, si ferma al secondo posto con un andamento stabile: +0,3% nell’ultimo anno e -14,3% negli ultimi sei.
Quattro tra i primi sei Paesi sono asiatici (Bangladesh, appunto, seguito da Filippine, Pakistan e India) e tra i Paesi dell’Asia meridionale si registrano anche gli incrementi maggiori, come il +73,9% del Pakistan o il +37% delle Filippine. La Cina, invece, che fino a pochi anni fa era in testa alla classifica dei volumi di invio, non è più nemmeno tra le prime quindici posizioni.  Tra una comunità e l’altra, variano anche gli importi inviati. Se la media  pro-capite (volume complessivo rimesse/residenti stranieri in Italia) è di 100 euro a persona al mese, tra i romeni si scende a  50 euro, tra i  marocchini a 66 euro, ma tra i senegalesi si schizza a oltre 300 euro, tra i bangladesi a oltre 460 euro.
Le Regioni dalle quali sono partite più rimesse sono la Lombardia (1,46 miliardi, +22,4%) e il Lazio (953 milioni, +22,2%), seguite da Emilia Romagna, Veneto e Toscana, tutte con oltre 500 milioni di euro inviati. Tra le province, guidano Roma (825,26 milioni) e Milano (741,86 milioni), che insieme concentrano oltre il 25% del volume complessivo. La forte concentrazione delle province del Centro-Nord nella zona alta della classifica rispecchia la maggiore incidenza di residenti stranieri sulla popolazione di quei territori.
Le rimesse rappresentano la prima forma di sostegno degli immigrati allo sviluppo dei paesi d’origine. Tuttavia si prestano a varie letture”, sottolinea Michele Furlan, presidente della Fondazione Leone Moressa. “Da un lato, evidenziano la disponibilità finanziaria degli immigrati, legata alla ripresa economica. Dall’altro lato sono mancati consumi e investimenti in loco. Una maggiore integrazione, dunque, dovrebbe portare ad un minor legame col paese d’origine”.

Lascia un commento

ULTIMI ARTICOLI



Tg2: in Svezia 60 quartieri dove vige la Shari’a, Ambasciata di Svezia “affermazioni errate”

Comunicazione dell’Ambasciata di Svezia su un servizio del TG2 A seguito del servizio del TG2 andato in onda il 19 maggio 2019, l’Ambasciata di Svezia comunica di aver informato la direzione del TG2 – tramite una nota scritta inviata il 22 maggio – che nel servizio girato in Svezia ci sono diverse affermazioni errate. Per […]

Lafram (Ucoii): “Ognuno di noi, come fedele, è tenuto ad essere un elemento attivo e propositivo di questa società”

Ormai domani si vota, molti invitano a votare per essere parte integrante di questo paese, in ordine di tempo giunge il messaggio di Yassine Lafram, Presindete dell’Ucoii. Riportiamo integralmente il suo messaggio: “Insha’Allah – se Dio vuole – andrò a votare questa domenica, e tu? Questa domenica si vota per le elezioni europee. Dalle ore 7 […]

Assay, progetto realizzato insieme ai lavoratori migranti vittime di sfruttamento

Per 10 mesi, nove ragazzi migranti provenienti da Ghana, Togo, Burkina Faso e Senegal sono stati inseriti in cinque aziende agricole biologiche di Cerignola, in Puglia, nell’ambito del progetto “In campo! Senza caporale“, avviato nel 2008 dalla Onlus Terra! con l’obiettivo di  costruire una filiera di produzione giusta, pulita e trasparente. Yusuf, Guebre, Mounir, Abdoulaye, Ibrahim, Paap, Hussein, Matthew […]

Residenza, l’ordinanza del Tribunale di Genova ne hanno diritto anche i richiedenti asilo

Il Tribunale ordinario di Genova, con un’ordinanza cautelare del 22 maggio scorso, ha accolto il ricorso presentato da un richiedente asilo, alla quale era stata respinta la domanda di iscrizione anagrafica presso il Comune di Genova, in forza del Decreto Legge 113/18 (decreto Salvini) convertito in legge 132/18. Il giudice ha riconosciuto la fondatezza della […]

Associazione Nazionale Musulmani Italiani: “Scegliere il giusto voto”

Anche l’Associazione Nazionale Musulmani Italiani dice la sua per il periodo elettorale, di seguito il comunicato: “Siamo sotto elezioni e, da italiani, abbiamo il dovere di votare per scegliere chi ci governerà sia in Italia e sia in Europa. Siamo sotto elezioni e, da musulmani, abbiamo il compito di votare per cercare di sostenere un […]

Hossein Arbabi, in campo per Novoli

Si chiama Hossein Arbabi, cittadino italiano di origini iraniane, da oltre 35 anni residente in Italia ha scelto di scendere in campo sposando il progetto sociale per Novoli con Giovanni De Luca Sindaco. DI seguito l’intervista integrale: “Mi chiamo Hossein Arbabi e vivo in Italia da 35 anni. Arrivato con l’obiettivo di prendere una laurea in […]

Dopo l’arabo, arrivano gli inviti a votare tradotti in Urdu

Per rendere più facilmente memorizzabili i nomi ed i messaggi elettorali di alcuni candidati, qualche schieramento politico ha tradotto il proprio “santino elettorale” in arabo. Si tratta di una pratica molto diffusa sopratutto nelle città in cui le comunità di origine straniera sono molto numerose. Ma la particolarità sta nel fatto che dopo le traduzioni […]