Home Attualità Halal: La nuova frontiera del mercato. In Italia business da 5 miliardi di dollari
Halal: La nuova frontiera del mercato. In Italia business da 5 miliardi di dollari

Halal: La nuova frontiera del mercato. In Italia business da 5 miliardi di dollari

0

In Europa, ma specialmente in Italia, il numero dei musulmani sta avendo una crescita esponenziale, collocando l’Islam come seconda religione più diffusa dopo il Cattolicesimo. Numeri importanti che, secondo i dati citati da Francesco Borgonovo su “La Verità”, hanno e avranno un notevole impatto sulla nostra economia, rendendo il mercato Halal un mercato “inevitabile” per le aziende italiane.

Il termine “halal”, che tradotto significa “lecito”, per il cliente musulmano include una serie di concetti che spaziano dalla condotta morale, alla materia in fatto di alimentazione. Ormai è diventato un vero e proprio trend; in Italia sono tantissime le aziende agroalimentari certificate Halal, compresi marchi famosi e, per non restare tagliate fuori dal mercato, molte altre aziende si stanno attrezzando. Quindi, l’agroalimentare è solo uno dei tanti settori del mercato Halal, che comprendono anche il settore assicurativo, la cosmetica, il design, la finanza, il marketing, la moda, la sanità ed il turismo.

Infatti, dopo le certificazioni Halal per il settore alimentare, sono le certificazioni Muslim friendly e Muslim hospitality per il turismo ad avere una forte crescita. Visto l’alto afflusso di turisti dal Medio Oriente nel nostro Paese, molte strutture ricettive e ristorative si stanno conformando alle esigenze di questa fascia di turisti altrimenti preclusa, mettendo a disposizione menù a misura di musulmano e adeguando la sistemazione delle camere. Anche le città si stanno attrezzando; prendiamo ad esempio Torino, che ospita ormai da anni il Turin Islamic Economic Forum, o Venezia dove l’Associazione Veneziana Albergatori nel 2015 ha stretto un accordo per la Muslim hospitality.

Secondo quanto afferma Omar Business&Development, una delle massime società emergenti specializzate nel settore delle certificazioni, campagne marketing e consulenze per i mercati islamici, la certificazione Halal avrà un ruolo sempre maggiore, soprattutto nelle esportazioni nei paesi occidentali, poiché il cittadino musulmano, sia immigrato, che autoctono, sta crescendo con percentuali sempre maggiori, necessitando pertanto di prodotti a misura di musulmano facilmente reperibili direttamente in Occidente. Tuttavia, spesso l’azienda che certifica lo fa per la necessità di esportate il prodotto all’estero, trascurando però il mercato locale ed europeo.

Lascia un commento

ULTIMI ARTICOLI



Lombardia, dalla Lega stop alle aree nei cimiteri per i musulmani

Sì alla sepoltura di animali da compagnia nella stessa tomba del padrone, ma limitazione alla concessione di aree cimiteriali riservate agli islamici. È quanto prevede la nuova legge funeraria regionale della Lombardia discussa dal Consiglio che ha approvato un emendamento proposto dal consigliere leghista Andrea Monti ed accolto dalla maggioranza composta da Lega, Forza Italia e […]

Il Qatar pronto a investimenti miliardari in Germania, ma con occhio attento a possibili affari ovunque

Secondo il Gulf Times (giornale di lingua inglese di stanza nell’emirato), il Qatar per bocca del Ministro degli Affari Esteri, Mohamed bin Abdulrahman Al Thani, ha dichiarato che l’emirato è pronto a fare investimenti nei prossimi cinque anni per dieci miliardi di euro in Germania,  facendo così diventare la nazione tedesca, il principale partner europeo […]

Roma, le scuole contro il Decreto Salvini

Domenica scorsa, a Roma, nella zona di Piazza Vittorio, i genitori della Scuola Elementare “Di Donato“, situata nel centro della capitale, dove da anni bambini di tutte le etnie convivono senza alcuna discriminazione, hanno organizzato una manifestazione cercando di invitare altri enti e scuole romane. All’appello hanno risposto altri istituti scolastici del Pigneto, un liceo […]

Giappone: i negozi offrono il kimono ai turisti musulmani con hijab “wagara” abbinato

In Giappone sono i benvenuti. Hanno tutte le scelte halal a propria disposizione e ricevono ogni attenzione da parte dell’industria turistica giapponese, da qualunque parte essi provengano: parliamo dei turisti musulmani. La terra del Sol Levante, con le Olimpiadi del 2020, sta cercando di cambiare volto a tutto ciò che rappresenta il suo mondo per […]

Farnesina: incontro tra Del Re e le ONG Italiane in Yemen e Siria

Emanuela Del Re, Viceministro degli Affari Esteri, ha presieduto un tavolo tecnico con le ONG italiane impegnate in Siria e Yemen. Dalla riunione si sono ottenute informazioni aggiornate, utili per capire meglio le criticità e raccogliere proposte finalizzate ad assicurare un efficace coordinamento tra il Maeci e le stesse organizzazioni non governative del nostro Paese.

Posizione aperta per l’ICE di Dubai

Come riporta la pagina facebook dell’Ambasciata d’Italia ad Abu Dhabi, è aperta la posizione di coordinatore Desk per l’ICE di Dubai, per l’Expo 2020. Gli interessati potranno presentare la propria candidatura entro domani,  21 febbraio. Basta cliccare per accedere alla pagina della candidatura.

Vittorio Veneto: parte il corso di formazione “Giovani e responsabilità”

Partirà il prossimo 23 febbraio un corso di formazione intitolato “Giovani e responsabilità” che è stato organizzato dall’Associazione Misericordia. Le lezioni si svolgeranno in Via Menaré, 308 a Vittorio Veneto, località in provincia di Treviso.