Israele, Raed Salah condannato a 28 mesi

12/02/2020 di Redazione

Lunedì un tribunale israeliano ha condannato il capo del Movimento Islamico Fazione Nord fuorilegge, lo sceicco Raed Salah, a 28 mesi di carcere per “incitamento al terrore” in una serie di discorsi pronunciati dopo un attacco palestinese che nel luglio 2017 ha provocato la morte di due poliziotti israeliani nella moschea Al-Aqsa nella Gerusalemme Est occupata.

Salah ha denunciato le accuse nei suoi confronti come false e ha dichiarato in seguito alla sua condanna che tutti i procedimenti nel caso erano “lontani dalla verità”. Il giudice israeliano Shlomo Banjo ha dichiarato nel suo verdetto che Salah è “pericoloso”. “Alla luce delle precedenti violazioni di Sheikh Raed Salah e dei suoi chiari motivi ideologici, le sue attività sono peggiorate nel tempo”, ha detto Banjo. “Oggi, come in passato, usa parole preoccupanti per incitare al terrorismo”.

Il team di difesa di Salah ha rilasciato una dichiarazione in cui dichiara che “dal 2017 sono state imposte restrizioni allo sceicco impedendogli di comunicare con il pubblico e i media perché l’occupazione è pienamente consapevole che ogni parola che ne deriva ha implicazioni e impatto significativi. ”

L’estate del 2017 ha visto una rivolta palestinese spontanea che ha coinvolto due settimane di disobbedienza civile e proteste per costringere Israele a rimuovere misure restrittive, tra cui telecamere e metal detector, agli ingressi del complesso della moschea di Al-Aqsa, che era stato installato a seguito dell’attacco a il poliziotto israeliano nel luogo sacro.

Salah ha avuto ripetuti scontri con le autorità israeliane. Nell’agosto 2017, è stato arrestato nella sua casa nella città di Umm Al Fahm, nel nord di Israele, prima di essere condannato con l’accusa di “incitamento alla violenza”, che ha negato. Dal 2015 Israele ha proibito a Salah di viaggiare fuori dal Paese per ragioni apparentemente legate alla “sicurezza nazionale”. Il ministro israeliano della pubblica sicurezza Gilad Erdan ha twittato che la condanna di Salah “illustra che i sostenitori del terrorismo e gli incitatori appartengono a lungo in carcere e non nella Knesset”, il parlamento israeliano.

Il movimento islamico in Israele, fondato da Salah nel 1971, conta circa 20.000 membri ed è stato messo fuorilegge dalle autorità israeliane dal 2015.

COMMENTI