Home Stefano Valente Vademecum: come aprire un’impresa in Italia
Vademecum: come aprire un’impresa in Italia

Vademecum: come aprire un’impresa in Italia

0

Avviare un’attività in Italia, sia come ditta individuale, che come società, implica una serie di adempimenti amministrativi a cui bisogna attenersi, al fine di evitare di incorrere in eventuali sanzioni.

Quali sono, quindi, i passaggi da seguire pedissequamente, prima di poter essere realmente operativi? Il primo step è, sicuramente, quello di aprire una partita IVA, ovvero richiedere, all’Agenzia delle Entrate, un codice numerico ad 11 cifre, che identifica l’impresa.

In questa sede, bisognerà, inoltre, indicare il codice ATECO, ovvero quello relativo all’attività che si intende avviare, nonché il regime contabile da adottare. Successivamente, bisognerà procedere alla registrazione dell’impresa presso la competente Camera di Commercio, nonché all’iscrizione della stessa impresa presso la locale sede dell’Inps e dell’Inail. Per particolari attività, sarà, inoltre, necessario richiedere, agli Enti preposti (Comune, Azienda Sanitaria, etc.), le necessarie licenze, autorizzazioni per poter operare.

Grazie ad alcune semplificazioni previste dalla legge, è, oggi, possibile adempiere a siffatti adempimenti tramite una singola comunicazione al Registro delle Imprese. Tale comunicazione viene effettuata esclusivamente in via telematica e contiene, in pratica, tutte le informazioni fiscali, previdenziali ed assicurative, che devono essere inviate ai diversi Enti.

La “Comunicazione Unica” (questo è il suo nome) propone, in buona sostanza, un unico processo amministrativo, da presentare per via telematica al solo “Registro delle Imprese“, presso la Camera di Commercio di riferimento. Un ulteriore passaggio obbligatorio (e preliminare agli altri) si rende necessario in caso di attività svolta da società, ovvero la costituzione della stessa davanti ad un notaio, che si occuperà della redazione dell’Atto costitutivo e dello statuto (non previsto in caso di Srl semplificata).

Queste, in breve, sono le principali indicazioni per avviare un’impresa in Italia, un Paese in cui la troppa (e spesso lenta) burocrazia costituisce, purtroppo, un grosso limite allo sviluppo.

Lascia un commento

ULTIMI ARTICOLI



Tg2: in Svezia 60 quartieri dove vige la Shari’a, Ambasciata di Svezia “affermazioni errate”

Comunicazione dell’Ambasciata di Svezia su un servizio del TG2 A seguito del servizio del TG2 andato in onda il 19 maggio 2019, l’Ambasciata di Svezia comunica di aver informato la direzione del TG2 – tramite una nota scritta inviata il 22 maggio – che nel servizio girato in Svezia ci sono diverse affermazioni errate. Per […]

Lafram (Ucoii): “Ognuno di noi, come fedele, è tenuto ad essere un elemento attivo e propositivo di questa società”

Ormai domani si vota, molti invitano a votare per essere parte integrante di questo paese, in ordine di tempo giunge il messaggio di Yassine Lafram, Presindete dell’Ucoii. Riportiamo integralmente il suo messaggio: “Insha’Allah – se Dio vuole – andrò a votare questa domenica, e tu? Questa domenica si vota per le elezioni europee. Dalle ore 7 […]

Assay, progetto realizzato insieme ai lavoratori migranti vittime di sfruttamento

Per 10 mesi, nove ragazzi migranti provenienti da Ghana, Togo, Burkina Faso e Senegal sono stati inseriti in cinque aziende agricole biologiche di Cerignola, in Puglia, nell’ambito del progetto “In campo! Senza caporale“, avviato nel 2008 dalla Onlus Terra! con l’obiettivo di  costruire una filiera di produzione giusta, pulita e trasparente. Yusuf, Guebre, Mounir, Abdoulaye, Ibrahim, Paap, Hussein, Matthew […]

Residenza, l’ordinanza del Tribunale di Genova ne hanno diritto anche i richiedenti asilo

Il Tribunale ordinario di Genova, con un’ordinanza cautelare del 22 maggio scorso, ha accolto il ricorso presentato da un richiedente asilo, alla quale era stata respinta la domanda di iscrizione anagrafica presso il Comune di Genova, in forza del Decreto Legge 113/18 (decreto Salvini) convertito in legge 132/18. Il giudice ha riconosciuto la fondatezza della […]

Associazione Nazionale Musulmani Italiani: “Scegliere il giusto voto”

Anche l’Associazione Nazionale Musulmani Italiani dice la sua per il periodo elettorale, di seguito il comunicato: “Siamo sotto elezioni e, da italiani, abbiamo il dovere di votare per scegliere chi ci governerà sia in Italia e sia in Europa. Siamo sotto elezioni e, da musulmani, abbiamo il compito di votare per cercare di sostenere un […]

Hossein Arbabi, in campo per Novoli

Si chiama Hossein Arbabi, cittadino italiano di origini iraniane, da oltre 35 anni residente in Italia ha scelto di scendere in campo sposando il progetto sociale per Novoli con Giovanni De Luca Sindaco. DI seguito l’intervista integrale: “Mi chiamo Hossein Arbabi e vivo in Italia da 35 anni. Arrivato con l’obiettivo di prendere una laurea in […]

Dopo l’arabo, arrivano gli inviti a votare tradotti in Urdu

Per rendere più facilmente memorizzabili i nomi ed i messaggi elettorali di alcuni candidati, qualche schieramento politico ha tradotto il proprio “santino elettorale” in arabo. Si tratta di una pratica molto diffusa sopratutto nelle città in cui le comunità di origine straniera sono molto numerose. Ma la particolarità sta nel fatto che dopo le traduzioni […]