Yemen, separatisti sostenuti dagli Emirati Arabi si ritirano da Aden

24/08/2019 di Redazione

I separatisti yemeniti del sud si sono ritirati sabato da alcuni edifici governativi di Aden che hanno sequestrato la scorsa settimana, ma trattenuti in campi militari che conferiscono loro il controllo della città, quali il porto meridionale dello Yemen e la sede provvisoria del governo estero, appoggiato dai sauditi dello Yemen.

L’acquisizione da parte dei separatisti di Aden ha messo a dura prova una coalizione militare a guida saudita formata per affrontare gli Houthi schierati in Iran, che hanno bombardato sabato un impianto petrolifero saudita.

Un portavoce militare di Houthi ha dichiarato che 10 droni lanciati verso installazioni petrolifere a Shaybah nell’Arabia Saudita orientale hanno costituito il “più grande attacco nelle profondità” del regno.

Mentre, la compagnia petrolifera statale saudita Aramco ha affermato che l’attacco ha provocato un “incendio limitato” in un impianto di gas che era stato contenuto e non aveva influito sulla produzione. Il ministro dell’Energia, Khalid al-Falih, ha condannato lo sciopero per sabotaggio “codardo”.

Il conflitto è ampiamente visto nella regione come “una guerra per procura” tra l’Arabia Saudita musulmana sunnita e il suo rivale regionale sciita, l’Iran.

La coalizione musulmana sunnita sostenuta dall’Occidente è intervenuta in Yemen nel marzo 2015 per cercare di ripristinare il governo riconosciuto a livello internazionale di Abdu Rabbu Mansour Hadi dopo che gli Houthi lo avevano cacciato dalle sedi del potere nella capitale Sana, alla fine del 2014.

Le Nazioni Unite hanno cercato di attuare un accordo di pace bloccato nella città portuale di Hudaydah e spianare la strada a colloqui politici per porre fine alla guerra, che ha spinto lo Yemen sull’orlo della carestia.

Il leader di Houthi Abdel-Malek al-Houthi ha dichiarato che gli eventi di Aden hanno mostrato che la coalizione era in crisi e che il signor Hadi era impotente.

“Coloro che hanno sostenuto gli aggressori … non hanno autorità o libertà, ma sono sottomessi all’Arabia Saudita e agli Emirati Arabi Uniti”, ha aggiunto.

Ha infine affermato che lo sciopero delle risorse petrolifere saudite è stato un avvertimento per gli Emirati Arabi Uniti, che ha ridotto la sua presenza militare nella coalizione, ma ha continuato a finanziare e armare i separatisti meridionali.

COMMENTI