Vince il premio Balzan per gli studi sull’islam

13/09/2019 di Redazione

Per gli studi sull’islam è stato insignito del Premio Balzan 2019 il britannico Michael Allan Cook, della Princeton University (Usa). La motivazione:«Per l’impatto straordinario del suo lavoro su diverse aree di ricerca nel campo degli studi sull’Islam, in particolare: lo studio dell’origine e la storia primordiale del pensiero islamico, la storia intellettuale, sociale e politica dell’Islam nei secoli e il posto dell’Islam nella storia globale; per l’eccezionale qualità della sua erudizione, dal punto di vista della profondità e dell’ampiezza cronologica e geografica. Per il suo rigore metodologico nonché per l’utilizzo del metodo comparativo e per l’analisi filologica delle fonti primarie in arabo, turco ottomano, persiano, ebraico, siriano, lingua sudarabica e sanscrito».

Il premio è ispirato a Eugenio Francesco Balzan, che trascorse gran parte della sua vita al Corriere della Sera. Amministrò la società editrice del giornale, della quale fu anche comproprietario.

Insignito del premio, fra gli altri, il matematico italiano Luigi Ambrosio, per la “Teoria delle equazioni differenziali alle derivate parziali”.

COMMENTI