Urbino, Vite Sottocosto: migrazioni, lavoro e sfruttamento in agricoltura

21/06/2019 di Lela Esposito

Martedì 11 Giugno si è tenuto a Urbino, presso Palazzo Battiferri, Università di Urbino Carlo Bo, il convegno di studi “Vite sottocosto: Migrazioni, lavoro e sfruttamento in agricoltura”.

Durante l’incontro è stato presentato il volume Vite sottocosto, seconda edizione del Rapporto sul progetto Presidio di Caritas italiana, nato nel 2014 per garantire strutture permanenti di ascolto, orientamento e tutela ai lavoratori vittime di sfruttamento lavorativo e per stimolare le istituzioni a farsi carico del problema, adottando politiche sostenibili ed efficaci.

Il report, frutto del contributo multidisciplinare degli studiosi di diverse Università italiane, analizza le cause e gli effetti dello sfruttamento lavorativo sulla vita delle persone e sulle dinamiche della filiera. Il progetto Presidio è attivo in oltre 10 Caritas diocesane, distribuite su tutto il territorio nazionale, e ha fornito, nel periodo 2014-2018, assistenza a cica 5.000 lavoratori di 47 diverse nazionalità. Gli interventi realizzati riguardano soprattutto la fornitura di beni e servizi di prima necessità e l’assistenza sanitaria, ma anche l’assistenza di tipo amministrativo e legale.

La presentazione dello studio è stata occasione per istaurare un proficuo confronto tra mondo accademico, associazioni, parti sociali, Enti locali e istituzioni, attorno ad una tema quanto mai complesso ed attuale.

La presentazione del volume è stata seguita da diversi interventi che hanno riguardato: analisi economica del settore agricolo e della filiera agroalimentare italiana, mercato del lavoro e ruolo degli stranieri in agricoltura (con particolare focus sull’adeguatezza delle politiche dell’immigrazione rispetto alle esigenze del mercato agricolo), politiche europee della migrazione e di contrasto allo sfruttamento lavorativo, impatto del Decreto Sicurezza sulle politiche migratorie e sul mercato del lavoro agricolo.

L’incontro ha rappresentato inoltre un’occasione per illustrare le attività del Tavolo Caporalato, presieduto dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, del quale la Direzione Generale dell’immigrazione e delle politiche di integrazione è Segreteria amministrativa, il cui obiettivo è la programmazione di una proficua strategia per il contrasto al fenomeno del caporalato e del connesso sfruttamento lavorativo in agricoltura.

COMMENTI