Unità, solidarietà, determinazione: i vertici europei in Grecia

04/03/2020 di Redazione

Il presidente del Parlamento europeo David Sassoli, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, il presidente del Consiglio europeo Charles Michel e il primo ministro croato Andrej Plenković, il cui paese detiene la presidenza di turno del Consiglio, hanno visitato il confine greco-turco.

Dopo la visita, il Presidente Sassoli ha dichiarato: “ Senza uno, come possiamo garantire la libertà e difendere i diritti umani? È importante che tutti e tre i presidenti delle istituzioni europee abbiano viaggiato oggi fino al confine greco-turco per vedere le condizioni sul campo. Vorrei ringraziare i cittadini greci per il loro sostegno e dedizione in questo momento. Chiediamo urgentemente alle autorità turche di rispettare l’accordo con l’Unione europea e restiamo aperti al dialogo”. “Non avremmo capito cosa abbiamo visto oggi, se fossimo tornati a Bruxelles senza spingere per un vero cambiamento. Dobbiamo impegnarci con le migliaia di minori non accompagnati che sono arrivati ​​sulle coste dell’Europa. Abbiamo urgentemente bisogno di una strategia per proteggere loro e il loro futuro. I governi europei devono mostrare una generosità e una solidarietà molto maggiori con i bambini che hanno un disperato bisogno ”. “Ciò a cui stiamo assistendo al confine tra Grecia e Turchia mostra anche più che mai la necessità di una politica migratoria europea comune. Sono scioccato dal fatto che molti governi europei continuino a ignorarlo. Per il Parlamento europeo, chiunque arriva in Grecia, in Italia, a Malta o in Spagna, arriva in Europa. Invito i leader europei a lavorare in modo costruttivo con noi al fine di trovare una soluzione per l’equa ridistribuzione delle persone bisognose. Questo è l’unico modo per essere all’altezza dei nostri valori e rendere l’Europa un leader globale nella difesa dei diritti umani “.

“Con unità d’intenti, solidarietà e determinazione, voglio dichiarare che la nostra prima priorità è assicurarsi che l’ordine venga mantenuto alla frontiera esterna della Grecia, che è anche il confine dell’Europa. Voglio anche esprimere la mia compassione per i migranti che sono stati attirati attraverso false promesse in questa situazione disperata”, ha dichiarato la presidente Ursula von der Leyen sulla situazione al confine greco-turco, annunciando che l’impegno immediato dell’Unione per aiutare la Grecia sarà quello di inviare 100 unità aggiuntive alle attuali 530 unità di guardia costiera sui confini terrestri e marini.

Ringraziando i vertici europei per aver garantito il sostegno al suo paese, il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis, ha dichiarato: “Il mio dovere è proteggere la sovranità del mio paese. Allo stesso tempo, anche la Grecia sta facendo un ottimo servizio all’Europa. I confini della Grecia sono le frontiere esterne dell’Unione europea. Li proteggeremo. Le autorità greche hanno il controllo completo. La fiducia dei cittadini è aumentata e la società più unita. Grazie alle forze armate, alle forze di sicurezza e ai residenti che aiutano. Da Evros mandiamo un messaggio forte: la Grecia non ascolta chi voglia usare le persone per servire i propri scopi. Abbiamo assoluta fiducia nelle forze armate e nelle forze di sicurezza”.

Care Lettrici, cari Lettori,

Daily Muslim è la voce libera dei Musulmani in Italia e nel mondo.

Potete sostenerci con una piccola donazione cliccando qui.

Grazie!

COMMENTI