Un uomo indiano ha eseguito l’Hajj per 25 volte dal 1994

13/08/2019 di Redazione

Il cittadino indiano Taqiullah Khan ha eseguito l’ Hajj per la prima volta nel 1994. Il residente di Bangalore, ora 62enne, ha intrapreso il viaggio 24 volte in tanti anni da allora.

Ora Khan è tornato alla Mecca per eseguire il suo 26 ° Hajj, avendone, però, perso uno nel 1999, a causa di un incidente in moto.

Khan ha anche eseguito il pellegrinaggio minore, Umrah, 126 volte!

Per la maggior parte dei musulmani, il santo viaggio è un’esperienza irripetibile a causa dei costi, delle difficoltà e dei sacrifici. Per Khan, è un affare annuale, grazie alla sua compagnia di tour e viaggi.

“Sono venuto qui così tante volte che conosco la Mecca e Madina meglio di Bangalore”, ha dichiarato.

È interessante notare che la madre di Khan aveva “previsto” che Hajj sarebbe diventato un viaggio annuale per lui.

Un anno prima di partire per il suo primo Hajj, l’uomo aveva inviato i suoi genitori nel 1993.

“Ho chiesto che pregassero per me di poter visitare la terra benedetta. Quando mia madre tornò, disse che aveva fatto questo particolare dua (supplica) così tanto che credeva che avrei eseguito l’ Hajj ogni anno.”

Proprio come aveva predetto sua madre, il viaggio di Khan iniziò nel 1994. “Sono andato come qualsiasi altro musulmano allora. Sono tornato di nuovo l’anno successivo con mia moglie”.

Ha fondato Tawakkul Tours and Travels nel 1996 e fatto domanda per la quota Hajj. Da allora viene come guida Hajj, possedendo la licenza Munazzam.

Il padre di tre figli non deve necessariamente venire nella città santa insieme ai gruppi di cui è responsabile la sua azienda. “Per me, questo è un onore di Allah e non me lo perderei per nulla al mondo. La maggior parte delle persone si considera fortunata se è in grado di intraprendere il viaggio una volta nella vita. Allah mi ha benedetto per eseguire l’ Hajj ogni anno.”

Khan conduce, inoltre, almeno cinque gruppi all’anno per i pellegrinaggi Umrah nella città santa.

La sua più grande forza è la sua famiglia. “I membri della mia famiglia sono stati molto favorevoli ai miei sforzi. Non una volta mi hanno chiesto di delegare qualcun altro a guidare i gruppi, poiché anche loro credono che questo sia un onore.”

COMMENTI