«Torna a casa col barcone»: razzismo in campo nel Salento

19/12/2019 di Redazione

«Negro, torna a casa col barcone». L’urlo dagli spalti. Sarebbe accaduto domenica scorsa durante una partita tra gli under 17  del Nardò e quelli del Capo di Leuca, a Castrignano del Capo. Provincia di Lecce, terra nota per l’accoglienza. Eppure un ragazzo della squadra casalinga avrebbe offeso un atleta del Nardò, di colore. Ne è nato un trambusto, il ragazzo offeso è stato espulso per la sua reazione.

Ecco dunque il comunicato stampa della squadra neretina:

«Con riferimento alla vicenda che ha visto coinvolti due ragazzi delle squadre Under 17 dell’Ac Nardò e dell’Asd Capo di Leuca, la nostra società, destinataria, sia pure solo per conoscenza, della lettera-denuncia inviata dalla madre del nostro calciatore, si è immediatamente adoperata per ricostruire il più oggettivamente possibile i fatti, inviando una dettagliata relazione ai competenti organi federali.
In queste ore, dunque, c’è un’indagine federale che, ce lo auguriamo tutti, farà piena luce su un fatto che, se confermato nella versione fornita dalla mamma del nostro ragazzo, è di una gravità assoluta, inaccettabile sotto ogni profilo e suscettibile della più ferma condanna e convinta stigmatizzazione».

Dunque, dichiara nella nota  il presidente del club, Salvatore Donadei:«Considerata la delicatezza del problema e le varie sensibilità in campo, cerchiamo, tutti, di rifuggire da facili strumentalizzazioni e da stucchevoli ipocrisie, cercando di mantenere un atteggiamento il più possibile sereno e costruttivo, anche per l’età dei ragazzi coinvolti, senza, naturalmente, sottovalutare alcunché o, peggio, fare finta che nulla sia accaduto».

E aggiunge il responsabile del settore giovanile del  Nardò, Antonio Meleleo: «Credo che sia obiettivo primario di ognuno di noi la guida dei giovani atleti, che spesso incorrono in errori non solo tecnici ma anche di comportamento. Ho sempre detto che l’errore è parte della crescita, ma al contempo occorre intervenire energicamente di fronte a certi tipo di errori, che riguardano non più l’aspetto tecnico, bensì la sfera educativa. In tal senso intendo porre l’attenzione su quanto occorso al nostro tesserato, in una terra che da sempre è stata ospitale e di condivisione delle sofferenze altrui, dove spesso ci siamo trovati e ci troviamo ad ospitare fratelli di altra nazionalità, con l’orgoglio di dimostrare che l’accoglienza è per noi ragione di vita. Detto questo mi auguro che episodi del genere non si verifichino più e sottolineo, agli addetti ai lavori, l’attenzione che nella circostanza è mancata da parte del direttore di gara, il quale, una volta investito del problema, si è sottratto agli obblighi federali arrivando addirittura a rifiutare l’appendice al referto che il dirigente ed il tecnico dell’A.C. Nardo’ volevano consegnargli. Auspico, per il futuro, un momento di condivisione anche con la società dell’Asd Capodileuca, sicuro che restando uniti e disposti al confronto la crescita sarà vera crescita».

(in foto, da sinistra: Donadei e Meleleo )

Care Lettrici, cari Lettori,

Daily Muslim è la voce libera dei Musulmani in Italia e nel mondo.

Potete sostenerci con una piccola donazione cliccando qui.

Grazie!

COMMENTI