Tendenze della moda islamica per l’inverno in corso

10/01/2020 di Redazione

moda islamica inverno 2020

Di Fatima Asmaa MT Paciotti, titolare Fatima Shop a Cantù (Como).

Siamo arrivati alla fine dell’anno solare e anche se nel mondo dell’islam non è considerato un passaggio da un anno all’altro, dato che il calendario seguito è quello lunare, per la moda di tutto il mondo termina il 2019 ed inizia il 2020. Stiamo trascorrendo un inverno luminoso, con colori spesso chiari o a tinte pastello che si alternano a colori accesi come il verde menta, il verde giada, il rosso indiano, il blu pavone. Tutti colori che diventano brillanti con il lurex, le perle e le paillettes, di gran moda in questo momento come decori per coprispalle, cardigans, foulards e giubbetti eleganti o spiritosi come i “bombers”, imbottiti e soffici, totalmente ricoperti di paillettes e foderati in tessuto metallizzato oro o argento, molto apprezzati da ogni tipo di donna, musulmana e non. Ugualmente apprezzati giubbetti e giacche in stile “wild”, realizzati con una pelliccia ecologica un po’ “spettinata ” alla selvaggia, disponibili nei colori bordeaux, cipria, grigio, verde, bianco, nero, nelle versioni “melange” o “totally”. Ci si può sbizzarrire nell’abbinare diversi tessuti e colori di tendenza che vanno dal grigio argento al rosa pallido, passando per il glicine, il malva, il viola, il verde brillante, il turchese, fino ad arrivare all’arancio bruciato e al rosso fuoco
soprattutto per maglie, maglioni, cappotti e scialli outwear.

Da non dimenticare lo stile “animalier” – soprattutto leopardato – che difficilmente passa di moda e che questo inverno occupa un posto centrale: non solo pellicce, cappotti, felpe, tuniche, abiti e pantaloni ma anche borse in formato “pattina” o a “sacca” di taglia piccola, ricoperte in pelliccia animalier come pure scarpe e stivaletti. Le borse in questo periodo sono tutte piccole sia a tracolla , a pattina, sacca o secchiello. Sono realizzate in pelle ecologica, pelle naturale, pelliccia. Gli stivali in inverno sono stati e continuano ad essere un articolo molto utilizzato: con i mini dresses o maglioni lunghi e leggins da donne non musulmane, con abiti sportivi – gonne, abiti lunghi diritti ma morbidi e non attillati, pantaloni larghi – da donne musulmane. Molto in voga il mini dress in maglia o in felpa: la donna musulmana sfrutta questo indumento utilizzandolo a mo’ di tunica, indossato sopra ad un paio di pantaloni
larghi tono su tono o con disegno a piccoli pois, piccole linee che si incrociano; se il mini dress/tunica è in tinta unita senza disegni, decori o lavorazioni può abbinare pantaloni in tessuto pied de poule o in stile degradé.

abiti moda islamica 2020Intramontabili per la sera gli abiti lunghi di colore nero o grigio antracite e nelle varie nuances di tessuti satin, spesso arricchiti da strass o tessuti lurex. Molto richieste le “farachaat” che in arabo significa “farfalla” provenienti da Dubai, notoriamente terra della moda e dell’eleganza. Da Dubai provengono molto spesso anche i foulards da sera: sottili, leggeri, trasparenti e cangianti, da sembrare quasi eterei, nei vari colori in voga in questo periodo. Ci parlano di luoghi in cui la moda è il sottofondo alla vita di chi vive in quei Paesi della Penisola Arabica come anche del
visitatore.

Per il giorno la donna musulmana ha a sua disposizione maglioni lunghi ed ampi realizzati con filati morbidi e caldi: non mancano modelli con manica a pipistrello o farfalla, maglioni a “poncho” da indossare sopra una maglia in lana o viscosa minimal, affinché ci si possa riparare dal freddo senza appesantire la figura. Molto apprezzati sono i pantaloni larghi che si muovono in armonia con i passi durante il cammino, che simulano ma non “copiano” la gonna lunga. Da non dimenticare proprio i gonnelloni lunghi svasati, generosi in quantità di tessuto, proposti in fantasia floreale, astratta e, tra i sempre verdi, in tessuto tartan rosso e blu, rosso e verde o anche bianco e nero, ancora ampiamente utilizzato da molti stilisti e case di moda per l’inverno come anche per il periodo primavera – estate; varia solo la trama del tessuto in base alla stagione. Per l’outwear stiamo indossando mantelle con pelliccia, meglio se ecologica per rispetto verso gli animali ed anche perché reperibile in tutti i colori di moda in questa stagione e che non troviamo in natura: oltre ai classici bianco e nero, fra più richiesti troviamo il rosso, il rosa cipria, il verde oliva, il bordeaux , il grigio argento soprattutto per quel che concerne mantelle, cappotti e maxi chales per le giornate
più fredde. Le passerelle che abbiamo potuto ammirare durante la “fashion week” di Milano e quelle delle Maisons di tutto il mondo ci hanno mostrato colori in parte simili anche per la prossima stagione primavera-estate di cui parleremo nei prossimi articoli. Anche in questo caso abbiamo visto come la donna musulmana possa seguire la
moda e al tempo stesso rispettare i canoni dell’abbigliamento islamico: il compito delle boutiques e dei negozi di abbigliamento islamico dovrebbe essere di proporre alla donna musulmana di oggi abiti che, anche quando fossero di fabbricazione occidentale, possano vestire qualsiasi donna, che segua o meno l’Islam, semplicemente variando gli accessori, indossando o meno il velo sul capo, mettendo pantaloni larghi o leggins (per le donne alle quali ciò è permesso dalla propria religione). Questo tipo di proposta rende i nostri punti vendita dei punti di incontro,
dei ponti sui quali una donna di qualunque etnia, religione, credenza, filosofia di vita, possa trovare qualcosa di bello per sé e – perché no? – incontrare altre donne come lei ma di diversa provenienza di credo o Paese e trarne un arricchimento reciproco.

Questo è ciò che ad esempio ho realizzato personalmente con la mia Boutique, che spero sia solo la prima di molte, in sha Allah. Un saluto di pace a tutti i lettori e le lettrici, di qualunque etnia e qualunque religione, credo o filosofia di vita seguano. Quello che ho detto di buono, deriva da Allah l’Altissimo, ciò che ho detto di cattivo o errato, deriva solo da me stessa.

Care Lettrici, cari Lettori,

Daily Muslim è la voce libera dei Musulmani in Italia e nel mondo.

Potete sostenerci con una piccola donazione cliccando qui.

Grazie!

COMMENTI