Stati Uniti: Hamza Yusuf viene criticato per aver prestato servizio nella nuova Commissione dei diritti del Dipartimento di Stato

17/07/2019 di Redazione

Uno dei più eminenti studiosi islamici al mondo attira critiche da parte di alcuni musulmani per aver partecipato alla neo-annunciata Commissione sui diritti inalienabili del Dipartimento di Stato.

Hamza Yusuf, un influente leader sunnita che ha co-fondato lo Zaytuna College, il primo college universitario musulmano accreditato in America, sarà raggiunto in commissione dal rabbino Meir Yaakov Soloveichik, dal professore di Stanford Russell Berman, dal professore di diritto di Notre Dame, Paolo Carozza, dal sociologo di Harvard, Jacqueline Rivers, da Katrina Lantos Swett, ex presidente della Commissione degli Stati Uniti sulla libertà religiosa internazionale, dal filosofo Christopher Tollefsen e dal professore di UC Irvine, David Tse-Chien Pan.

“Nonostante gli apporti ricchi, robusti e senza precedenti dello Shaikh Hamza Yusuf al pensiero islamico in Occidente, mi addolora vederlo collaborare con l’amministrazione più islamofoba della storia americana”, ha detto Hamzah Raza, una studentessa laureata in studi islamici alla Harvard Divinity School. “Donald Trump è un presidente che ha affermato che” l’Islam ci odia “e ha incitato alla violenza contro i musulmani come strumento per essere eletti”.

Il gruppo sarà guidato dalla professoressa di legge di Harvard, Mary Ann Glendon, ex ambasciatrice in Vaticano sotto George W. Bush. Nota conservatrice sociale, famosa per la sua opposizione al matrimonio tra persone dello stesso sesso, Glendon ostacolò gli sforzi per definire l’aborto come diritto umano internazionale alla conferenza delle donne, che si tenne presso le Nazioni Unite nel 1995.

Il segretario di stato Mike Pompeo ha definito la commissione come un gruppo che esamina i diritti umani
attraverso un obiettivo di “legge naturale”. Tale gruppo, che comprende esperti in diritti umani di “background e credenze varie”, aiuterà a guidare gli impegni di politica estera, determinando ciò che gli Stati Uniti considerano un diritto umano, in particolare quando le dichiarazioni dei diritti umani sembrano essere in conflitto, ha affermato.

COMMENTI