Regno Unito, la “sterlina verde” della spesa musulmana potrebbe salvare l’economia britannica dopo la Brexit

20/08/2019 di Redazione

Tutti hanno sentito le cupe proiezioni sugli affari britannici dopo la Brexit: mentre il Regno Unito si prepara a uscire dall’accogliente accordo commerciale dell’Unione europea senza alcun beneficio, l’economia si sta preparando per un colpo economico.

Secondo Hassan Mawji, comproprietario di Verona Collection, una casa di “modest fashion” globale che lavora con ASOS ed i grandi magazzini Macy, ci sono anche alcune aziende che saranno protette dal contraccolpo economico – imprese i cui clienti, come i suoi, sono principalmente musulmani.

Londra, a suo parere, è il posto più accogliente per i musulmani nel mondo occidentale, molto più tollerante dell’Europa continentale e del Nord America. Anche se alcuni speculano sulla spinta della Gran Bretagna a destra, i musulmani e le altre minoranze occupano alcuni dei più alti uffici di stato e posizioni politiche più visibili. Questo non succede altrove in Occidente, rendendo il Regno Unito una casa naturale per tutti i musulmani.

Hassan è un imprenditore specializzato in “modest fashion, un’industria relativamente giovane, ma che è stata in atto da millenni. Molte delle tradizioni più antiche del mondo apprezzano i valori della modestia tra i due sessi, ma l’industria della moda – promossa da evangelisti basati sulla fede di comunità musulmane, ebraiche e di altro tipo, ma anche da improbabili sostenitori come la pop star Billie Eilish, che preferisce vestirsi in abiti larghi – sta diventando una tendenza.

Ciò non significa, però, che sia facile: i marchi di moda a guida musulmana come quello di Hassan affrontano la duplice minaccia dell’estrema destra che li attacca per l ‘”islamizzazione della moda” e dei musulmani conservatori che li denunciano per la feticizzazione dei corpi delle donne musulmane. Tutto questo solo perché si vuole dare alle donne qualcosa di diverso dai teli monocromatici anonimi da indossare – esattamente il tipo di abbigliamento che è difficile da comprendere per molti come una scelta di stile personale.

Figure come la giornalista Noor Tagouri (che è stata fotografata per Playboy in un hijab) e la modella Halima Aden (che ha posato in un “Burkini” per Swimsuit Illustrated) sono state entrambe sotto tiro. Questo crea una perdita nella moda: o l’industria muore e le donne che vogliono vestirsi modestamente devono scendere a compromessi sullo stile, oppure cresce e viene accusata di distruggere proprio ciò che cerca di proteggere.

Ma qui c’è molto di più delle credenze personali e del senso dello stile. Mentre la Brexit incombe, c’è un forte interesse economico da parte delle imprese di attingere dall’economia islamica, di cui la “modest fashion” è un settore in costante crescita.

Si prevede che entro il 2023 la spesa globale musulmana per l’abbigliamento raggiungerà i 361 miliardi di dollari – e la Gran Bretagna potrebbe essere la base per una grande fetta di tale spesa. La “sterlina verde” della spesa musulmana può collegare il Regno Unito ad alcuni dei mercati di consumo più redditizi del mondo.

In effetti, il Regno Unito sta diventando una capitale aziendale globale per l’ Halal. Ciò si ripercuote sull’intera economia islamica, con start-up e imprese in forte crescita non solo nel settore dell’abbigliamento, ma anche in quello turistico, finanziario, alimentare e di altro tipo.

Londra è ora la capitale alimentare halal in Europa. Negli ultimi quattro anni, il London Halal Food Festival ha registrato il sold out, con molti marchi con sede nel Regno Unito che lo utilizzano per connettersi con i clienti di tutto il mondo, che stanno acquistando di tutto, da Halal Churros a Bratwurst.

Una cosa simile sta accadendo all’interno della finanza islamica, che fornisce prodotti che non includono gli interessi. Già nel 2006, l’allora cancelliere Gordon Brown chiese a Londra di diventare un centro per gli investimenti islamici. Questo è naturale: Londra è la capitale finanziaria del mondo e un quarto della popolazione mondiale è musulmana. Molti di loro prediligono prodotti finanziari che soddisfano i requisiti della loro religione.

Mentre Boris Johnson continua a minacciare una Brexit senza accordi, alcuni imprenditori stanno comprensibilmente diventando più cauti riguardo agli investimenti in Gran Bretagna. Tuttavia, molti dei fondatori di startup e investitori con cui Hassan lavora sono molto meno pessimisti, indipendentemente dalle varie opinioni politiche sulla Brexit.

E’ probabile che ci saranno alcuni scompensi economici, qualunque sia l’esito del 31 ottobre, ma le paure sono talvolta esagerate come parte di un discorso di divisione sociale. Questo è, di per sé, preoccupante. Gli incidenti dell’islamofobia, che sono aumentati dal referendum sulla Brexit del 2016, hanno creato la percezione tra alcuni imprenditori musulmani che il Regno Unito sia un ambiente ostile per loro – specialmente se la loro fede coincide con i propri affari.

Ma si sbagliano. Quegli atteggiamenti di odio, che esistono, sono solo metà della storia; da Sadiq Khan a Sajid Javid a Nadiya Hussain e Mo Farah, la Gran Bretagna sta anche abbracciando la sua cultura musulmana, in un modo che non ha eguali da nessuna altra parte nell’Europa continentale o nel Nord America.

“Ho sentito dire che Londra è il posto migliore al mondo per essere musulmani. Non lo so, ma per quanto mi riguarda, è sicuramente il posto migliore per far crescere un’azienda che vende a clienti musulmani”, ha dichiarato Hassan.

COMMENTI