Rassegna di Cinema Arabo a Lecce

18/02/2019 di Redazione

Padri, figli e la terra tra di loro” è una rassegna culturale multidisciplinare organizzata nell’ambito delle attività OFF del Festival del cinema arabo Yalla Film Fest di Lecce dal 21 al 23 febbraio prossimi. In calendario proiezioni, libri, incontri e dibattiti sulle dinamiche di incontro e scontro generazionale e sulle relazioni intime e affettive determinate dall’esperienza della dislocazione, che sia per scelta o per costrizione.

Attesi registi, scrittori e intellettuali per parlare della questione delle migrazioni dal Nord Africa e del rapporto del migrante con la propria cultura e la propria madrepatria. Ospiti, tra gli altri, il regista italo-marocchino Elia Moutamid, il regista tunisino Mohamed Ben Attia e la poetessa siriana Widad Nabi. Tutti gli eventi sono gratuiti e aperti al pubblico.

Questo il programma annunciato:

  • Giovedì 21 Febbraio (ore 19:00 CineLab Bertolucci), Proiezione di Talien (2017) di Elia Moutamid, che sarà presente in sala: “Un road-movie che racconta la storia di Abdelouahab, Aldo, che – dopo quasi quarant’anni in Italia – decide di tornare a casa, in Marocco. Ilyass, Elia, suo figlio, regista del film cresciuto in Lombardia, si unisce in questo viaggio di ricordi e storie. Un viaggio che è l’occasione di un padre e di un figlio per spiegarsi, capirsi, incontrarsi…
  • Venerdì 22 Febbraio (ore 19:00 CineLab Bertolucci), proiezione di Weldi (2018) di Mohamed Ben Attia, che sarà presente in sala: “Riadh è un operatore di carrelli elevatori nel porto di Tunisi, città in cui vive insieme alla moglie Nazli e al figlio Sami, che si prepara per gli esami di scuola superiore. Sami soffre di attacchi di emicrania, ma – quando la situazione sembra migliorare – il ragazzo scompare improvvisamente. I genitori cominciano a cercarlo finchè scoprono, grazie ad un messaggio su Facebook, che il ragazzo potrebbe essere in Siria…
  • Sabato 23 Febbraio (ore 19:00 Biblioteca Bernardini – Convitto Palmieri) Simone Sibilio e Francesca Corrao presentano la raccolta di poesia araba contemporanea “In guerra non mi cercate. Poesia araba delle rivoluzioni e oltre“, a cura di F.M. Corrao, O. Capezio, E. Chiti, S. Sibilio; Mondadori, 2018).

COMMENTI