Ragazza contro il governo cinese, TikTok elimina il video e poi si scusa

29/11/2019 di Redazione

Aveva aggirato la censura cinese spiegando in un video pubblicato sul social network “TikTok” come piegare le ciglia. Ma poi aveva parlato della repressione del governo cinese verso gli uiguri. Autrice dello stratagemma e della denuncia tale Feroza Aziz, il cui filmato sarebbe stato visto oltre un milione mezzo di volte. “TikTok” ha rimosso il video, ma poi si è scusato con l’utente per questa soppressione, avendo ripristinato la pubblicazione.  Secondo “TikTok” si sarebbe trattato di un errore umano.

La ragazza non ha menzionato gli uiguri nel video, ma su “Twitter” ha affermato d’essersi riferita al gruppo etnico di religione islamica insediato nel Nord Ovest della Cina. Nel 2017 Le informazioni che trapelano dicono di campi di trasformazione attraverso l’educazione, in cui sono costretti gli uiguri.

Eric Han, responsabile della sicurezza di “TikTok” ha chiarito in un comunicato stampa la croologia degli eventi. Eccola:

14 novembre 2019 @ 14:34 ET – Su un account precedente (@getmefamousplzsir), un utente di TikTok ha pubblicato un video che includeva l’immagine di Osama bin Laden, risultando in un divieto dell’account in linea con le politiche di TikTok contro i contenuti che includono immagini correlate a figure terroristiche. Nessun contenuto relativo alla Cina è stato moderato su questo account.

* Sebbene riconosciamo che questo video potrebbe essere stato inteso come satira, le nostre norme su questo fronte sono attualmente rigorose. Qualsiasi contenuto di questo tipo, quando identificato, è considerato una violazione delle nostre Norme della community e dei Termini di servizio , con conseguente divieto permanente dell’account e dei dispositivi associati.

14 novembre 2019 @ 19:53 ET – L’utente ha pubblicato un secondo account TikTok appena creato (@getmefamouspartthree). Al momento di questo post sul blog, quell’account aveva in totale 19 video.

23 novembre 2019 @ 19:05 ET – L’utente ha pubblicato un video su quel secondo account che parlava della comunità uigura in Cina. Al momento di questo post sul blog, il video è stato visto oltre 1,5 milioni di volte sull’app.

25 novembre 2019 @ 3:32 ET – Nell’ambito di un’applicazione pianificata a livello di piattaforma, il team di moderazione di TikTok ha vietato 2.406 dispositivi associati a account che erano stati vietati per uno dei tre tipi di violazioni: (1) terrorismo o immagini terroristiche, (2) Sfruttamento minorile, (3) Spam o contenuti dannosi simili. Poiché l’account vietato dell’utente (@getmefamousplzsir) era associato allo stesso dispositivo del suo secondo account (@getmefamouspartthree), ciò ha avuto l’effetto di impedirle di poter accedere al secondo account attivo da quel dispositivo. Tuttavia, l’account stesso è rimasto attivo e accessibile, con i suoi video che continuano a ricevere visualizzazioni.

27 novembre 2019 @ 7:06 ET – A causa di un errore di moderazione umana, il video virale del 23 novembre è stato rimosso. È importante chiarire che nulla nelle nostre Norme della community preclude contenuti come questo video e che non avrebbero dovuto essere rimossi.

27 novembre 2019 @ 7:56 ET – Il video è tornato in diretta sulla piattaforma dopo che un membro senior del nostro team di moderazione ha identificato l’errore e lo ha ripristinato immediatamente.

In totale, il video è stato offline per 50 minuti.

Le scuse, il 27 novembre:

«Ci scusiamo con l’utente per l’errore da parte nostra questa mattina.

Inoltre, stiamo contattando direttamente l’utente per informarla che in questo caso abbiamo deciso di ignorare il divieto del dispositivo. Il nostro approccio alla moderazione di vietare i dispositivi associati a un account vietato è progettato per proteggere dalla diffusione di comportamenti dannosi coordinati – ed è chiaro che questo non era l’intento qui. Questo utente può accedere nuovamente al suo account attivo (@getmefamouspartthree) dal dispositivo che stava utilizzando in precedenza.

La nostra filosofia di moderazione e impegno per la nostra comunità

Il lavoro di preservare TikTok come ambiente sicuro, positivo e accogliente per i nostri utenti, proteggendo al contempo la libertà di espressione creativa dei nostri utenti di pubblicare contenuti che possono essere seri o scomodi, è complesso e stimolante.

Come altre piattaforme Internet, abbiamo investito enormi risorse in tecnologia che può fungere da prima linea di difesa contro i contenuti che chiaramente violano le nostre Norme della community, come dimostrazioni di violenza estrema, sfruttamento minorile, pornografia o spam. La seconda linea di difesa è costituita da moderatori umani che operano sulla base di tali orientamenti comunitari. Quelle persone hanno un compito incredibilmente difficile di rivedere molte migliaia di video e cercare di esprimere giudizi sonori in cui una risposta non è sempre chiara.

Riconosciamo che a volte questo processo non sarà perfetto. Gli umani a volte commettono errori, come quello fatto oggi nel caso del video di @ getmefamouspartthree. Quando si verificano tali errori, tuttavia, il nostro impegno è di risolverli e correggerli rapidamente, intraprendere corsi di formazione o apportare modifiche per ridurre il rischio di ripetizione degli stessi errori e la piena responsabilità dei nostri errori.

A tal fine, stiamo rivedendo sia la suddivisione procedurale in questo incidente, sia conducendo una revisione più ampia sul nostro processo, per identificare le aree in cui possiamo migliorare le nostre pratiche. Esamineremo anche le nostre politiche per consentire ritagli per cose come l’istruzione e la satira, come fanno altre piattaforme. Per continuare a fornire trasparenza ai nostri utenti, pubblicheremo anche il nostro primo rapporto sulla trasparenza e una versione molto più completa delle nostre Norme della community, che sono entrambe sulla buona strada per condividere con la nostra community entro i prossimi due mesi.

Rimaniamo impegnati a lavorare in collaborazione con la nostra comunità e le parti interessate per raggiungere il nostro obiettivo comune di fornire una piattaforma che soddisfi il suo scopo principale di portare creatività e gioia ai suoi utenti» .

COMMENTI