Quasi la metà dei membri del Tory non vorrebbe un Primo Ministro Musulmano

02/07/2019 di Redazione

Quasi la metà dei membri conservatori del partito preferirebbero non avere un primo ministro musulmano.Questo è l’esitodi un’indagine interna al partito sulla dimensione dell’islamofobia.

Il sondaggio, condotto da YouGov per il gruppo antirazzista Hope Not Hate, ha anche scoperto che più di due terzi dei membri del Tory credono che le parti del Regno Unito siano soggette alla legge della Sharia e il 45% pensa che alcune aree non siano sicure per i non musulmani.

La metà dei membri del partito pensa che l’islamofobia sia un grosso problema, ma solo l’8% crede che sia un problema all’interno del partito, secondo il sondaggio.

Degli 864 membri conservatori, che hanno partecipato all’indagine online, il 39% ha affermato di essere d’accordo sul fatto che “i terroristi islamici riflettono una diffusa ostilità nei confronti della Gran Bretagna tra la comunità musulmana”, e il 40% pensa che dovrebbe esserciuna riduzione del numero di musulmani che entrano nel Paese.

La base associativa del partito, che si ritiene essere di circa 160.000 persone, voterà in una votazione per la leadership per scegliere il prossimo primo ministro britannico nelle prossime settimane.

Il mese scorso, il Consiglio musulmano della Gran Bretagna ha presentato 20 pagine di prove alla Commissione per l’uguaglianza ed i diritti umani, chiedendo un’inchiesta sull’islamofobia nel partito, con il collega tory, Sayeeda Warsi, che ha definito il problema “istituzionale”.

È stato anche affermato che il presidente del partito, Brandon Lewis, ha ignorato le richieste di indagare su incidenti razzisti e islamofobici, riferiti da alcuni membri del medesimo partito.

Hope Not Hate ha scritto una lettera aperta a Boris Johnson e Jeremy Hunt, chiedendo loro di riconoscere pubblicamente il problema dell’islamofobia all’interno del partito e di impegnarsi ad affrontarlo, se eletti. Vogliono anche vedere un organismo indipendente istituito per indagare sul problema, nonché il partito impegnarsi in una definizione consolidata di islamofobia.

Entrambi i contendenti alla leadership dei Tory sembrano appoggiare un’inchiesta indipendente, quando sono stati sfidati da Sajid Javid durante un dibattito televisivo in diretta la scorsa settimana. Tuttavia, Johnson non è riuscito a ritrattare i commenti che ha fatto sulle donne in burqa, che sembrano “cassette delle lettere” e “rapinatori di banche”.
In conclusione, il sondaggio YouGov ha rilevato che il 76% dei membri pensa che il partito stia già facendo “tutto ciò che può ragionevolmente” per combattere l’islamofobia ed il razzismo, e solo il 15% ritiene che dovrebbe fare di più.

COMMENTI