Presepi e recite natalizie, i musulmani contrari? La vera disputa è tra laici e cattolici

Da molti anni ormai infuriano le polemiche in occasione delle festività natalizie e le varie iniziative ad esse correlate, soprattutto quelle legate alle recite con canti a tema e alla realizzazione di presepi nelle scuole.

Infatti, alcuni istituti scolastici vorrebbero eliminare una tradizione che è fortemente legata alla cultura italiana e tutto ciò viene strumentalizzato usando come pretesto la comunità musulmana del luogo che, nella quasi totalità dei casi, è all’oscuro di tutto, nonostante qualche caso possa sempre accadere.

La vera disputa non è tra musulmani e cattolici, ma tra laici che vorrebbero avere uno Stato aconfessionale, privo cioè di un’impronta religiosa, ed i cattolici che vorrebbero a loro volta far risaltare le radici cattoliche della nostra Nazione.

Questo scontro si “gioca” principalmente all’interno delle scuole, ossia l’ambiente più ideale poiché oramai è il luogo che ospita bambini di diverse religioni. Un pretesto, insomma, che sposta la disputa della laicità dello Stato sul piano dell’interculturalità.

COMMENTI