“Muhammad, il Profeta predetto dalle scritture del popolo del Libro e l’Islam”

13/01/2019 di Redazione

Muhammad, il Profeta predetto dalle scritture del popolo del Libro e l’Islam” (153 pagine) è il titolo del libro di Marco Ghergo. L’autore ce ne parla così: “Il volume è composto composto da due parti: la prima risale a più di 10 anni fa, ossia al 2007, poco dopo il mio ritorno all’Islam con alcune piccole successive integrazioni, mentre la seconda è recente, risalente agli anni 2016/2017. La prima parte è composta da: LIBRO 1, APPENDICI A (eccetto nota 49), B, C, D, E, F, G, H, I, L, e BIBLIOGRAFIA, mentre la seconda è costituita da: LIBRO 2, APPENDICE M e NOTA 49 appendice A“.

Ghergo poi aggiunge: “Il testo che segue la mia conversione è una raccolta organica di tutti quei passi della Bibbia che preannunciano la venuta del Profeta dell’Islam Muhammad (pace e benedizione su di lui) sia nell’Antico, che nel Nuovo Testamento, arricchito di note, commenti e riflessioni. Sono inoltre evidenziate le similitudini tra i precetti biblici e quelli coranici sia nell’ambito dottrinale che alimentare e normativo. Da una lettura attenta della Bibbia non si può non affermare che il Profeta Muhammad (pace su di lui) era preannunciato ed atteso, che il Sigillo avrebbe ristabilito il puro monoteismo predicato dai profeti precedenti“.

L’autore poi conclude: “Mentre nella prima parte si fa un lavoro di riordino concentrato sulla Bibbia su passi che giravano in ordine sparso e disordinato in internet con semplici citazione dei versetti senza un’adeguata spiegazione, ho quindi provveduto ad arricchirli con un ricco commentario, nel secondo libro si entra invece nell’Islam in senso stretto, dove ho cercato, attingendo ai miei 13 anni di studio, di raccontare l’Islam, di spiegare anche quegli argomenti dove i nemici si concentrano, ed ho fatto anche riflessioni su problemi e aspetti odierni. Da una veloce scandagliata dell’indice si può notare che ho analizzato un po’ tutti gli aspetti della più grande religione al mondo e con il più alto tasso di crescita, dove la Potenza del Messaggio è, inshallah, inarrestabile“.

COMMENTI