«Mio figlio vuole stare qui, ora devo proteggerlo». Parla il padre del bimbo rimasto in Egitto

06/10/2019 di Francesco Buja

Non si tratterebbe di sottrazione di minori. Il figlio di Maria Assunta Ingrosso, un bambino di otto anni, è rimasto in Egitto per suo stesso desiderio. Questa la versione del padre, Ahmed, denunciato ai carabinieri dalla donna salentina per aver trattenuto il piccolo nel Paese del Nord Africa e per averlo gradualmente allontanato da lei. «Alla luce di fatti che si sono verificati in Italia mio figlio è voluto restare qui con me» ha informato l’uomo. Il quale ha precisato che il figlio frequenta regolarmente la scuola in Egitto. La madre era preoccupata per l’istruzione del bambino, che sarebbe dovuto tornare in Italia, dov’è nato, il 14 settembre per cominciare l’anno scolastico. Sarebbe dovuto tornare dunque a Lizzanello, provincia di Lecce, dove ha sempre vissuto, prima con i genitori, poi solo con la mamma. Un caso, questa presunta sottrazione di minore, che è stato preso a cuore da alcuni politici.

Maria Assunta aveva anche lamentato di non sapere in quale città dell’Egitto padre e figlio si trovassero. Sono al Cairo, ci ha riferito il suo ex compagno.

Non solo:«Ho motivazioni fortissime per proteggere mio figlio» ha assicurato l’egiziano Ahmed, che è stato sentimentalmente legato a Maria Assunta Ingrosso fino al maggio 2018. Ma proteggere il piccolo da cosa e da chi?

(in foto: Maria Assunta Ingrosso)

COMMENTI