Marocco, pena di morte per gli assassini di due turiste

31/10/2019 di Redazione

Saranno puniti con la pena di morte i due omicidi di turiste scandinave a Imlil. Condanna confermata in appello per i tre imputati, così deciso dai giudici del tribunale antiterrorismo della Corte d’appello di Salè, che hanno commutato in pena capitale l’ergastolo sentenziato in primo grado al quarto uomo che avrebbe partecipato all’organizzazione del duplice delitto, ma non di fatto alle decapitazioni. Brutalità questa avvenuta alle pendici del monte Toubkal, nello scorso dicembre. Vittime Luisa Vesterager Jesperse, danese di 24 anni, e Maren Ueland, norvegese di 28 furono uccise e decapitate mentre erano per un trekking sulle montagne dell’Alto Atlante.

COMMENTI