Malesia, per i ministri il predicatore indiano Zakir Naik dovrebbe essere espulso

18/08/2019 di Redazione

Il gabinetto della Malesia ha discusso della residenza permanente del predicatore islamico indiano Zakir Naik mercoledì, con tre ministri che hanno chiesto la sua espulsione per presunte osservazioni razziali nella nazione multietnica.

Naik, che ha vissuto in Malesia per circa tre anni e ha accusato di riciclaggio di denaro e incitamento all’odio in India, è stato criticato per i suoi recenti commenti, secondo cui gli indù nel paese del sud-est asiatico avevano “100 volte più diritti” rispetto alla minoranza musulmana in India.

La razza e la religione sono questioni delicate in Malesia, dove i musulmani rappresentano circa il 60 percento dei suoi 32 milioni di persone. Il resto sono per lo più cinesi e indiani, la maggior parte dei quali indù.

I ministri hanno affermato che i commenti di Naik potrebbero essere stati diretti a seminare discordia tra musulmani e non musulmani in Malesia, un’accusa che Naik ha profondamente negato.

Abbiamo espresso la nostra posizione, in base alla quale è necessario agire e siamo convinti che Zakir Naik non dovrebbe più essere autorizzato a rimanere in Malesia”, ha dichiarato Gobind Singh Deo, ministro delle comunicazioni e dei media.

Il primo ministro ha preso atto delle nostre preoccupazioni. Lasciamo a lui il compito di considerare la posizione e decidere al più presto cosa è necessario fare per affrontare il problema “, ha aggiunto.

M. Kulasegaran, ministro delle risorse umane, e Xavier Jayakumar, ministro delle risorse idriche, terrestri e naturali, hanno anche rilasciato dichiarazioni che sollecitano il primo ministro Mahathir Mohamad ad espellere Naik.

Naik, che ha ripetutamente respinto le accuse contro di lui in India, ha detto che i suoi detrattori lo stavano citando fuori contesto per diffamarlo.

La mia lode al governo malese per il suo trattamento islamico ed equo nei confronti delle minoranze indù è stata distorta e citata erroneamente per adattarsi ai guadagni politici e creare fratture comuni“, ha detto in una nota mercoledì.

L’agenzia di stampa dello stato malese, Bernama, ha citato il primo ministro, secondo cui Naik non potrebbe essere rimandato in India, a causa dei timori per la sua incolumità.

L’India, infatti, ha vietato la Fondazione di ricerca islamica di Naik alla fine del 2016, accusandolo di incoraggiare e aiutare i suoi seguaci a “promuovere o tentare di promuovere sentimenti di inimicizia, odio o cattiva volontà tra diverse comunità e gruppi religiosi“.

COMMENTI