Malesia, gli esperti consigliano un supporto spirituale musulmano all’interno degli ospedali

22/07/2019 di Redazione

Il medico che ha istituito una delle prime “cappellanie musulmane” e di altre religioni in un ospedale malese ha invitato i fornitori di servizi sanitari in tutto il paese ad adottare un simile sistema di sostegno spirituale. Il suo invito richiama un suggerimento fatto di recente da uno dei principali pensatori della finanza islamica del paese per gli ospedali di assumere altri studiosi di rientro in patria.

Il dott. Razali Omar, ora consulente elettrofisiologo e cardiologo dell’ospedale CVSKL di Kuala Lumpur, ha avuto l’idea di offrire ai pazienti un consiglio religioso all’Istituto Jantung Negara (IJN), l’istituto nazionale per il cuore, dove ha lavorato per 24 anni prima di entrare in CVSKL.

Secondo il dott. Razali, queste cappellanie dovrebbero diventare la norma per gli ospedali. L’idea gli è balenata durante un viaggio a nord per eseguire un intervento chirurgico.

“Quando sono andato ad operare una volta all’ospedale avventista di Penang, stavo parlando con questo tizio della procedura – avevo presunto che fosse un componente della famiglia, ma, alla fine, si è rivelato un prete con base lì”, ha dichiarato il dott. Razali, riferendosi a Penang Adventist, che fu fondata dalla missione cristiana della Chiesa avventista del settimo giorno.

“Era un cappellano e sedeva con la famiglia mentre pregavano insieme durante la procedura. L’ho trovato molto interessante”.

Al suo ritorno nella capitale, Razali ha suggerito di iniziare le cappellanie per cristiani, buddisti e musulmani all’IJN, “in modo che i pazienti alla fine della loro vita possano coinvolgere queste persone religiose per prepararsi spiritualmente”.

“Abbiamo introdotto questo, così siamo diventati uno degli unici ospedali in Malesia ad avere queste cappellanie. Abbiamo anche la nostra moschea per le preghiere del venerdì. Insieme, questi formano un gruppo di servizi religiosi, e ogni volta che un paziente li richiede, il gruppo può consigliare il paziente. ”

In base a questo modello, una cappellania musulmana non solo verrebbe in aiuto di pazienti e medici, ma aiuterebbe anche gli studiosi islamici che non sono in grado di trovare lavoro.

Centinaia di malesi viaggiano, infatti, ogni anno in Medio Oriente per promuovere la loro educazione islamica, con le destinazioni top di Egitto, Arabia Saudita e Giordania. Dopo aver completato gli studi, molti tornano in Malesia e sono costretti a trovare lavoro.

Alcuni potrebbero essere impiegati come cappellani ospedalieri, ha detto il dott. Razali. A tal fine, concorda con un suggerimento fatto recentemente dal Dr Mohd Daud Bakar, un peso massimo della finanza islamica, tra l’altro, fondatore di Amanie Advisors, un fondo di private equity della Sharia e presidente dei consigli consultivi della Shariah della Bank Negara Malaysia, la banca centrale, e Commissione per i titoli, nonché nuovo presidente della International Islamic University of Malaysia (IIUM), il quale, durante un viaggio di lavoro in Thailandia, ha potuto verificare l’utilità di tali figure professionali, altamente qualificate, all’interno degli ospedali, a supporto non solo dei pazienti, ma anche dei medichi e degli infermieri.

Lo stesso auspica che un modello simile possa essere applicato anche al servizio di assistenza sanitaria malese, evidenziando anche il fatto che anche altre industrie potrebbero trarre beneficio dall’esperienza degli studiosi di ritorno nel paese.

“Il mio desiderio è che il governo malese riprenda l’idea e la metta in pratica”, ha affermato.

“Se il governo dovesse organizzare un corso, come un programma di gestione halal per sei o nove mesi, potrebbe dire alle aziende: ‘Ogni anno abbiamo un centinaio di queste persone, puoi impiegarle?’. Potrebbe anche fornire alcuni incentivi.

“Questo è un modo in cui le aziende possono interagire [con i clienti musulmani], può mettere in atto un ecosistema di valori e mostrare la loro serietà, pur essendo controllato internamente [per pratiche halal].”

L’idea del dott. Mohd Daud è stata accolta favorevolmente dal Prince Court Medical Center, uno degli ospedali privati ​​esclusivi di Kuala Lumpur.

COMMENTI