Londra, stretta ai detenuti dopo l’aggressione rivendicata dall’Isis

01/12/2019 di Redazione

Il ministero della Giustizia britannico ha iniziato la revisione urgente di settanta casi di benefici e permessi a detenuti potenzialmente pericolosi, su richiesta del primo ministro Boris Johnson (in foto). Lo scrivono alcuni media britannici. Usman Khan, l’accoltellatore del London Bridge,  era stato atti risultato essere stato scarcerato in anticipo. Era stato condannato per terrorismo.  Il suo attacco ai passanti è stato rivendicato dall’Isis.

COMMENTI