L’Indonesia prepara 1,3 mln di bestiame locale per la festa del sacrificio di Eid al Adha

09/08/2019 di Redazione

Il governo indonesiano ha preparato 1,3 milioni di capi di bestiame per il festival del sacrificio di Eid al Adha che, quest’anno cadrà l’ 11 agosto, con una crescita del 10% rispetto al 2018.

Quest’anno, tre nuovi mattatoi, a Giava occidentale, Banten e Nusa Tenggara occidentale, dove la domanda è elevata, sono stati designati per i macelli rituali, da aggiungere a quelli esistenti sparsi in tutta Sumatra occidentale, Giava occidentale, Giava orientale, Papua, Jakarta, Banten , West Nusa Tenggara e Central Java.

Si tratta di un allontanamento dalla pratica tradizionale di utilizzare passerelle pubbliche e pedonali ed è necessario per proteggere il pubblico dal rischio di trasmissione di malattie zoonotiche che possono essere trasferite dagli animali all’uomo o viceversa. Il passaggio a mattatoi dedicati è finanziato dallo stato.

L’ispezione, il monitoraggio e la supervisione della salute degli animali sono stati designati dalle autorità competenti, compreso il personale di campo per controllare i macelli rituali.

Ogni animale ha il proprio certificato sanitario che deve essere compilato dai professionisti.

L’attuale prezzo medio di mercato per una mucca compresa tra 350 e 450 chilogrammi varia da 20 a 28 milioni di rupie indonesiane ($ 1.419 – $ 1.987).

Il governo ha avviato uno speciale programma di inseminazione artificiale (UPSUS SIWAB) da febbraio 2017 per aiutare gli allevatori a migliorare la produzione di bestiame e aumentare l’inventario. Il programma privilegia le vacche da latte rispetto ai bovini da carne.

A giugno 2019, il programma ha prodotto 10.543.296 vitelli da 10 milioni di vacche accettatrici, con il 69,19% di target di gravidanza raggiunto da 7,2 milioni di vacche e il 64,18% di 5,76 milioni di target di natalità raggiunto.

Inoltre, 8.985 mucche Brahman Cross sono state importate e 392 vitelli blu belgi sono nati finora.

L’offerta interna di bestiame, al contrario delle importazioni dall’estero, aiuta a controllare i prezzi di mercato.

COMMENTI