L’Indonesia cerca clienti nell’industria globale della “Modest Fashion”

25/07/2019 di Redazione

Dian Pelangi, stilista indonesiana, che ha venduto i suoi abiti “modesti” ai clienti del Medio Oriente per diversi anni, si è goduta la sua seconda esibizione al NYFW dal 2017. La partecipazione agli eventi le ha fatto guadagnare un numero crescente di acquirenti nell’emisfero occidentale. “Ci sono stati molti più ordini”, ha dichiarato la stilista.

Pelangi è alla guida della crescente domanda per la cosiddetta moda modesta, che mira a nascondere piuttosto che rivelare il corpo e può includere o meno l’hijab, un velo indossato da alcune donne musulmane, che copre la testa e le spalle.

Tali vestiti possono essere indossati per motivi religiosi o culturali, o da donne che preferiscono semplicemente vestirsi in modo conservativo. In effetti, il termine “moda modesta” ha sostituito “la moda musulmana”, poiché il suo fascino si è diffuso al di là del mondo islamico.

“Lo stile modesto è il concetto, ma chiunque può effettivamente indossarlo, sia chi indossa l’hijab o no”, afferma Pelangi. “Ecco perché la chiamiamo moda modesta, invece che moda musulmana.” Giudicando dalla folla al suo show, questo sembra essere vero. Solo una manciata portava il velo; il resto era il tipo di fashioniste che potevano partecipare a qualsiasi sfilata.

È ovvio che l’Indonesia, il paese a maggioranza musulmana più popoloso del mondo, sarebbe un leader in questa fiorente industria multimiliardaria. Ma il paese ha faticato per raggiungere la sua ambizione di diventare la capitale della moda musulmana del mondo, di fronte a sfide che vanno dalla scarsa capacità produttiva e alla mancanza di professionalità, alla vigorosa concorrenza da megabrands come Nike, H & M, Hennes & Mauritz e altri che stanno entrando nel mercato dell’ abbigliamento modesto.

Il Rapporto sullo stato dell’economia globale islamica 2018/19, prodotto da Thomson Reuters, una società di mass media e DinarStandard, un ente di ricerca e consulenza, evidenzia “un potenziale di crescita significativo” nel settore, prevedendo una spesa in abbigliamento modesto in crescita del 5% annuo, con un volume d’affari stimato di $ 361 miliardi entro il 2023, partendo da $ 270 miliardi nel 2017.

“La moda modesta è diventata di rigore. Si sta muovendo all’interno del percorso principale, dai marchi di lusso ai negozi di alta classe, anche se con molto più spazio per crescere “, afferma il rapporto. “La vendita al dettaglio online e gli influencer hanno contribuito a guidare la popolarità della moda modesta, insieme ai modelli di hijab che impreziosiscono le copertine della rivista Cosmopolitan … e Vogue.”

I dati demografici suggeriscono anche che il mercato dell’abbigliamento conservativo continuerà ad espandersi. Secondo il Pew Research Center, un “fact thank” con sede a Washington, i musulmani sono il principale gruppo religioso in più rapida crescita al mondo. Entro il 2050 stima che ci saranno 2,76 miliardi di musulmani in tutto il mondo, pari al 29,7% della popolazione mondiale, rispetto a 1,6 miliardi, o al 23,2% della popolazione mondiale, nel 2010.

Ma l’Indonesia ha faticato a penetrare nel mercato globale della moda modesta. La forte attenzione al suo ampio mercato interno e la mancanza di attenzione alle esportazioni hanno portato il paese a scarsi risultati nella classifica stilata da Thomson Reuters / DinarStandard, che considera i paesi basati principalmente sulle esportazioni, relativamente alle loro dimensioni, all’organizzazione di Cooperazione islamica, un raggruppamento di 57 paesi a maggioranza musulmana in quattro continenti.

COMMENTI