L’emergenza dei visti per l’Italia sta diventando un problema

20/12/2019 di Laura Imen Villa

Se vivi in Asia (India, Pakistan, Bangladesh e Sri Lanka) oppure in alcune zone dell’Africa e intendi ottenere un visto per l’Italia, questo diventa una missione estremamente difficile se non impossibile. Infatti migliaia di persone che hanno parenti in Italia, sopratutto figli oppure un figlio che è in procinto di sposarsi, è veramente difficile che questi prendano un visto per arrivare regolarmente nel nostro Paese, per partecipare alla cerimonia di matrimonio oppure alla nascita del nipote. Nonostante molti dei richiedenti abbiano i documenti in regola per poter accedere al visto, questo viene negato (spesso senza neanche la convocazione del richiedente) con la solita scusante dell’alto rischio migratorio e del non ritorno in patria, dando un’effimera possibilità di ricorso presso al Tar del Lazio, come se persone ultra 60enni con altri figli, lavoro e una vita all’interno del Paese in cui vivono, fossero pronti a mollare tutto e magari fare i lavapiatti in Italia. A loro volte le Ambasciate forniscono numeri sui rilasci, ma sono gocce nell’oceano, abbiamo casi documentati di cittadini italiani che, avendo invitato i genitori del partner straniero ad assistere alle nascite dei figli, fornendo tutta la documentazione richiesta, oltre che  un’assicurazione sanitaria e una fidejussione bancaria a copertura, si vedono negati i visti, solo perchè a decidere i destini sono gli impiegati di turno. In Italia, la politica dei visti non ha una normativa specifica, sono a totale descrizione dell’Ambasciata, è questo all’alba del 2020 in un Paese che si considera civile è inaccettabile.

Care Lettrici, cari Lettori,

Daily Muslim è la voce libera dei Musulmani in Italia e nel mondo.

Potete sostenerci con una piccola donazione cliccando qui.

Grazie!

COMMENTI