La Carta Islamica dei Diritti delle Donne nella Moschea

01/12/2018 di Redazione

Vi proponiamo una curiosità che ci è stata segnalata da una nostra lettrice. Si tratta della Carta islamica dei Diritti delle Donne nella Moschea. L’ideatrice è la giornalista e scrittrice di origine indiane e successivamente naturalizzata americana, dichiaratamente femminista, Asra Nomani.

Il progetto è stato promosso nel 2004 dalle Figlie di Agar, un piccolissimo gruppo di attiviste musulmane progressiste. Per correttezza di informazione, va sottolineato che tali principi sono totalmente ignorati dalla Comunità islamica tradizionale.

Riportiamo i punti salienti della carta da lei redatta:

  1. Le donne hanno il diritto islamico di entrare in una moschea.
  2. Le donne hanno il diritto islamico di entrare attraverso la porta principale.
  3. Le donne hanno il diritto islamico di vedere ed ascoltare nella muṣallā.
  4. Le donne hanno il diritto islamico di pregare nella muṣallā senza essere separate da barriere, ivi incluso di fronte e mettersi in file promiscue di fedeli.
  5. Le donne hanno il diritto islamico di rivolgersi a qualsiasi membro della congregazione.
  6. Le donne hanno il diritto islamico di reggere cariche direttive, di guidare la preghiera, come imam e di essere membri di un comitato di direzione e di gestione dei comitati.
  7. Le donne hanno il diritto islamico di partecipare pienamente a tutte le attività comunitarie.
  8. Le donne hanno il diritto islamico di guidare e partecipare ad incontri, seminari ed altre attività comunitarie senza essere separate da barriere.
  9. Le donne hanno il diritto islamico a essere salutate e trattate con cordialità.
  10. Le donne hanno il diritto islamico di ricevere un trattamento rispettoso e di essere risparmiate da dicerie e false accuse.

Care Lettrici, cari Lettori,

Daily Muslim è la voce libera dei Musulmani in Italia e nel mondo.

Potete sostenerci con una piccola donazione cliccando qui.

Grazie!

COMMENTI