Jebreal: «Attacchi sessisti come i talebani». Quando la difesa della donna è intermittente

11/09/2019 di Redazione

«La misura di un paese democratico è in come tratta le donne. Gli attacchi sessisti verso le 2 ministre trasmettono un’immagine dell’Italia non tanto diversa dai talebani». La critica è quella pubblicata su Twitter l’altro ieri dalla leggiadra opinionista musulmana Rula Jebreal (nella foto) riguardo alle offese rivolte ai ministri Teresa Bellanova e Paola De Micheli nei giorni scorsi. L’una è stata presa di mira per il titolo di studi e per il vestito indossato per il giuramento al Quirinale, l’altra è stata assimilata, in un commento sul web, a una peripatetica.

Alla critica arrabbiata di Jebreal ha presto risposto Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia:«Non farci lezioncine sul rispetto delle donne: io sono la donna più insultata d’Italia, ma non ti ho mai sentita. Sei ridicola». Insomma, la difesa delle donne non può avvenire a corrente alternata.

COMMENTI