Iraq, la guerra tra sciiti: potere contro manifestanti

11/02/2020 di Redazione

Da fine gennaio i manifestanti sciiti nelle piazze irachene non hanno più la protezione delle milizie sadriste, che si sono schierate contro di loro e hanno alzato il livello degli scontri e dei morti, con il risultato di aver messo musulmani sciiti gli uni contro gli altri. Ne risulta una guerra che si combatte “tra milizie estremamente equipaggiate e manifestanti a mani nude”.

Il 5 febbraio la città santa di Najaf è stata teatro di massacri nelle proteste antisadriste, lasciando sul terreno 8 morti e più di 120 feriti.

“Tutti, compreso il premier incaricato, hanno domandato cosa facessero le forze di sicurezza regolari e perché non fossero lì per impedire una violenza che rischia di portare a una guerra civile, in un paese in cui tutti sono stanchi delle guerre”, si chiede il giornalista Zuhair al Jezairy nella sua analisi per Internazionale, tradotta da Francesco De Lellis.

Care Lettrici, cari Lettori,

Daily Muslim è la voce libera dei Musulmani in Italia e nel mondo.

Potete sostenerci con una piccola donazione cliccando qui.

Grazie!

COMMENTI