Integrazione degli stranieri nel mercato del lavoro UE, pubblicato un nuovo studio

27/02/2019 di Redazione

È stato pubblicato dalla Rete europea sulle migrazioni (EMN), lo studio sull’integrazione dei cittadini stranieri nei mercati del lavoro di 25 Stati membri dell’Unione europea (UE). Lo studio “Labour Market Integration of Third-Country Nationals in EU Member States” si concentra sugli immigrati di prima generazione che soggiornano legalmente nei paesi dell’UE, che hanno il diritto di lavorare.

Abbiamo scoperto che i tre ostacoli più comuni all’integrazione dei migranti nel mercato del lavoro nella maggior parte dei paesi dell’UE riguardano il riconoscimento delle qualifiche professionali e la valutazione delle competenze, i comportamenti discriminatori nell’accesso alle opportunità di lavoro e le competenze linguistiche insufficienti“, ha detto Ave Lauren, coordinatore nazionale di EMN Estonia. “Tuttavia, l’afflusso migratorio nel 2014-16 ha posto l’integrazione del mercato del lavoro in cima all’agenda politica e ha innescato cambiamenti politici, mentre molti paesi dell’UE continuano a lavorare per affrontare queste e altre sfide di integrazione“, ha aggiunto Ave Lauren. 

Lo studio mette in luce i seguenti aspetti chiave per politiche efficaci di integrazione nel mercato del lavoro:

  • i programmi di integrazione hanno più successo con i finanziamenti nazionali strutturali a lungo termine;
  • stabilire obiettivi chiari finalizzati all’impatto delle misure di integrazione piuttosto che concentrati sull’efficacia dell’attuazione aiuta a identificare le buone pratiche e valutare le iniziative;
  • il settore privato costituisce un valido complemento alle misure di integrazione del settore pubblico; mentre il settore pubblico si concentra sulla formazione delle competenze, il settore privato si concentra su misure che integrano i lavoratori migranti nei luoghi di lavoro, come la formazione interna e la valorizzazione delle diversità interculturali nelle aziende. 

Lo studio è il risultato di una collaborazione tra esperti in materia di migrazione e asilo che rappresentano i Punti di contatto EMN in tutta l’UE.

L’European Migration Network è una rete europea composta da Punti di contatto nazionali (NCP) negli Stati membri e in Norvegia, che fornisce informazioni su migrazione e asilo. L’EMN è stata ufficialmente istituita nel 2008 dalla Commissione europea a nome del Consiglio europeo per soddisfare la necessità di uno scambio regolare di informazioni affidabili sulle questioni relative alla migrazione e all’asilo a livello europeo.

COMMENTI