India: musulmano linciato a morte dalla folla indù

01/07/2019 di Redazione

Lunedì la polizia indiana ha arrestato cinque persone per aver torturato un uomo musulmano, morto poi a cause delle numerose ferite, nell’ultimo caso di linciaggio da parte di vigilanti indù.

Un video di 10 minuti mostra Tabrez Ansari, 24 anni, picchiato da un gruppo di uomini che lo accusavano di aver effettuato un furto.  Legato a un palo, Ansari viene costretto a gridare “Jai Shri Ram” (“Salve Signor Ram”), uno slogan usato dagli indù, secondo il filmato, che è diventato virale.

Parlando con l’agenzia Anadoly, la moglie di Ansari, Shaihista Parveen, ha descritto l’episodio come un omicidio d’odio.

“Era la notte del 17 giugno. Mio marito stava tornando dalla città di Jamshedpur al villaggio, quando alcune persone lo hanno fermato. Lo hanno legato a un palo elettrico, sostenendo che era un ladro. Gli è stato chiesto di cantare gli slogan indù “, ha dichiarato.

“È stato picchiato senza pietà tutta la notte. Al mattino, lo hanno consegnato alla polizia. Ma invece di agire contro i responsabili di averlo picchiato, la polizia ha mandato mio marito in prigione con l’accusa di furto con scasso. Aveva ricevuto lesioni interne e in seguito è morto in ospedale “, ha aggiunto Parveen, con voce strozzata dal dolore.

Si era sposata con Ansari solo pochi mesi fa. In una denuncia scritta, ha accusato la polizia locale e l’amministrazione carceraria responsabili di negligenza.

L’incaricato della stazione di polizia locale, Avinash Kumar, che è stato sospeso, ha dichiarato ai media che la gente del villaggio di Ghatkigeeh ha catturato Tabrez Ansari dopo che lo stesso aveva commesso un furto.

“Gli abitanti del villaggio lo hanno consegnato a noi. Un caso di furto è stato registrato contro di lui. Lo abbiamo portato in tribunale, che lo ha mandato in prigione. Non c’è stata alcuna negligenza della polizia in questo caso. ”

La famiglia di Tabrez ha affermato che l’attacco era uno dei crimini di odio. “Se stava rubando, perché è stato costretto a cantare gli slogan religiosi indù?”

Il primo ministro Jharkhand, Raghubar Das, ha ordinato una ronda da parte di una squadra investigativa speciale. La provincia è stata sotto i riflettori per episodi di linciaggio di massa negli ultimi anni. Secondo un rapporto del Jharkhand Janadhara Morcha, un gruppo per i diritti civili, almeno 12 persone sono state uccise dalla folla negli ultimi cinque anni. Di questi, 10 erano musulmani, accusati di avere delle mucche o di possedere carne di manzo.

La maggior parte degli imputati arrestati dalla polizia apparteneva a gruppi radicali indù.

Un ministro nel precedente governo di Narendra Modi, Jayant Sinha, è stato criticato per aver accolto gli imputati, condannati a morte da un tribunale di grado inferiore per aver linciato a morte un musulmano, Alimuddin Ansari, dopo che erano stati rilasciati in libertà vigilata.

Sinha avrebbe anche aiutato finanziariamente gli imputati, per difendersi in tribunale.

COMMENTI