India, la scuola che include tutti

12/02/2020 di Redazione

scuola-indiana-inclusione

La scuola indiana in cui i bambini indigeni non sono “mai estranei”:  Boro Baski è stato il primo nel suo villaggio a ricevere un’istruzione formale e ora si sta assicurando che anche altri lo facciano. Una storia di AlJazeera realizzata da Rosemary Marandi.

Gli obiettivi di Boro Baski nella vita erano piuttosto semplici: completare la sua istruzione e trovare un lavoro per sostenere la sua famiglia. Ma Baski, che ora ha circa 50 anni, non è entrato nella stessa linea di lavoro agricolo di generazioni della sua famiglia prima di lui. Lui e i suoi genitori sono membri della comunità di Santhal nel villaggio di Bishnubati nel Bengala Occidentale, in India. La comunità di Santhal è uno dei più grandi gruppi indigeni dell’Asia meridionale, con 7,4 milioni di membri in tutto il mondo e circa quattro milioni negli stati indiani di Jharkhand, Bengala Occidentale, Bihar e Odisha. Molti si possono trovare anche in Assam.

Nel 1977, uno dei fratelli di sua madre, un insegnante cristiano, persuase i genitori di Baski a mandarlo in un collegio missionario a 50 km (30 miglia) di distanza, e si offrì di pagare le tasse. Non è stato solo il primo membro della sua famiglia a sperimentare un’istruzione formale, è stato anche il primo del suo villaggio.

Fu anche il primo a ricevere una data di nascita formale. Le persone del suo villaggio ricordano le date di nascita usando le stagioni e i principali eventi naturali. I suoi genitori, ad esempio, ricordano la sua data di nascita come “l’anno che ha avuto grandi inondazioni”. Fu solo a scuola che la data del 4 aprile 1968 fu assegnata come data di nascita – non saprà mai la data effettiva.

COMMENTI