“Il vecchio Leone”, il coinvolgente romanzo di Elena Nicolai

08/11/2018 di Redazione

Leggendo il nuovo libro di Elena Nicolai intitolato “Il vecchio Leone (106 pagine, ) si entra in un mondo particolare, pieno di amore e tenerezza, ma con qualche punta di un dolore mai sopito, unito ad alcuni rimpianti. Edito da Project Leucotea, il romanzo è stato ideato durante gli anni di lavoro dell’autrice in Pakistan, dapprima in un piccolo paese sulle montagne dell’Himalaya e poi nella capitale, Islamabad.

C’è una storia da raccontare, la storia di un uomo, apparentemente ordinata, nel normale quotidiano familiare di marito e padre. Eccezionale è invece il suo slancio vitale: riesce a vivere con umorismo il dolore del suo matrimonio. Con lui ci sono Leone e Delfino: sono un peluche ed un ciondolo d’argento che custodiscono, con la loro presenza, il suo amore e lo proteggono dal tempo, dall’impalpabilità dei ricordi.

Elena ha già pubblicato la guida “Percorsi di letteratura ed arte nell’età umanistico-rinascimentale“, uno studio che ripercorre attraverso testimonianze letterarie in poesia e in prosa i legami che, nell’Umanesimo e nel Rinascimento, coinvolgono letteratura ed arti pittoriche e scultoree. Un viaggio sulle linee della critica artistica, sui topoi letterari classici, sulla la loro rielaborazione e sul dibattito tra le arti.

La Nicolai è una veneziana-salentina, alta dirigente dell’Associazione Nazionale Italia-Pakistan; ha collaborato con diverse Ong a progetti internazionali in Asia e Medio Oriente; oltre che traduttrice ed interprete. Sempre in giro per il mondo per studio e per missioni di cooperazione internazionale, spiccano le sue permanenze in Egitto, Pakistan Madagascar, Marocco, Messico, Siria, Togo, Tunisia e Yemen. È inoltre nota per aver curato il progetto di ricerca in ambito pedagogico grazie al quale ha portato alcuni ricercatori dell’Università del Salento ad Islamabad, nella Repubblica Islamica del Pakistan.

Care Lettrici, cari Lettori,

Daily Muslim è la voce libera dei Musulmani in Italia e nel mondo.

Potete sostenerci con una piccola donazione cliccando qui.

Grazie!

COMMENTI