Il turismo musulmano che l’Italia non vede: domani il workshop pugliese

03/12/2019 di Lela Esposito

 

Le enormi potenzialità del mercato turistico italiano per i musulmani. Semplicemente adeguando le strutture a pochi standard. È la sfida del turismo muslim friendly, che nel 2018 ha fatturato ben 189 miliardi di dollari. Dati del “Global muslim travel index 2019”, secondo cui la previsione per il 2024 è di 274 miliardi di volume d’affari. In Italia è stata lanciata lo scorso hanno la Filiera del Turismo Islamico in Italia – Italy Muslim Friendly, che sta riscuotendo   adesioni, mentre a luglio scorso è presentato il “Puglia Halal Tour“, che probabilmente inizierà l’anno prossimo. Il mercato di cui parliamo è una occasione per turisti e imprese, una opportunità di cui si parlerà  domani, alle 18.30, al Chiostro dei Carmelitani, nella bella Nardò (provincia di Lecce), nel seminario intitolato “Il turismo musulmano che l’Italia non sfrutta”.

Al seminario parteciperanno Giulia Puglia, assessore alle Attività produttive e al turismo del Comune di Nardò, Karam Malkawi (Intelco Jordan), Etrad Al Majali (Intelco Jordan), Karim C. Benvenuto, per Italy muslim friendly, il professor Vasco Fronzoni, dell’Università Orientale di Napoli. L’incontro sarà moderato dalla presidente  del Gruppo B&B Salento, Francesca Leone.

L’evento è organizzato dal Gruppo B&B Salento con il patrocinio del Comune di Nardò.

COMMENTI