Il sistema economico proposto dall’Islam può far uscire il mondo dalla crisi

“Il sistema economico proposto dall’Islam può far uscire il mondo dalla crisi”, è quello che ha detto in sostanza il presidente turco durante la XII Conferenza internazionale sull’economia e la finanza islamica svoltasi a Istanbul dal 14 al 16 giugno.

“Il modello esistente ha creato solo bolle finanziarie non tenendo assolutamente conto delle conseguenze sociali di questo sfrenato sistema, la chiave per uscire dalla crisi è il modello islamico”. Recep Tayyip Erdogan lo afferma al convengo e in più dice: “Per dare sicurezza agli investitori a lungo termine bisogna usare prodotti come i sukuk”.

I sukuk sono obbligazioni certe, ossia operazioni ben specifiche, conosciute e certificate; la traduzione in italiano dall’arabo di sukuk è appunto “certificato – concordato”, questo perché essi sono usati per operazioni immobiliari o per obbligazioni di stato. Alla scadenza dell’investimento l’istituto erogante riconsegna al proprietario l’obbligazione, e gli investitori prendono il prezzo stabilito in partenza per l’operazione. Quindi nessun interesse o valore non conosciuto.

Moody’s prevede un netto miglioramento delle banche d’investimento islamiche, e la Turchia si sta ponendo come un grande hub in questo settore.

Il presidente turco continua: “Il nostro obiettivo è rendere Istanbul il centro della finanza e dell’economia islamica”. La finanza islamica ha regole morali ben precise che non sono certo quelle che hanno le banche non islamiche nelle loro azioni spregiudicate, le quali hanno portato ai vari crack finanziari negli ultimi anni, con il conseguente deterioramento della situazione sociale in tutti paesi che attuano il capitalismo e al completo disfacimento dello status sociale: aumento povertà, aumento differenza tra ricchi e poveri, disparità sociale e istigazione alla violenza. Come sta accadendo in molti stati che si sono fatti paladini del nuovo ordine capitalistico. Vedi le rivolte razziste di questo periodo che all’interno hanno anche la sofferenza e la disparità sociale.

La finanza islamica fa paura a queste multinazionali della rovina, e per questo è demonizzata. Che cosa accadrebbe se il popolo scoprisse che si può investire senza perdere il proprio patrimonio, comprare una casa al prezzo stabilito e non con un aumento vertiginoso dello stesso a seconda delle bizze del mercato finanziario?

Care Lettrici, cari Lettori,

Daily Muslim è la voce libera dei Musulmani in Italia e nel mondo.

Potete sostenerci con una piccola donazione cliccando qui.

Grazie!

COMMENTI