Il Pakistan indice il 5 febbraio come giornata per il Kashmir

04/02/2020 di Jamal Qadeer

A fare la richiesta è stata Firdous Ashiq Awan, assistente speciale del Primo Ministro per l’informazione e la radiodiffusione, in carica dal 18 aprile 2019. Appartenente al partito Tehreek-e-Insaf (Movimento per la Giustizia del Pakistan), presieduto dal Primo Ministro pakistano Imran Khan. Awan ha dichiarato che il 5 febbraio sarà osservato come  giornata di solidarietà per il Kashmir, in modo da sensibilizzare il mondo sulla situazione nell’area contesa. Ashiq Awan ha accusato l’India di aver assediato il Kashmir e di avergli negato i suoi diritti fondamentali dal 5 agosto, quando Nuova Delhi ha revocato lo status speciale, o la limitata autonomia, al Kashmir amministrato dall’India, una regione oggetto di controversia tra India e Pakistan, ribadendo fortemente che il Pakistan continuerà il suo sostegno politico, morale e diplomatico al Kashmir. Di fatto il Kashmir è una nazione autonoma a maggioranza musulmana, ma subito occupata dal 1947, dal Pakistan e dall’India, che rivendicano entrambe la totalità dei territori è in piccola parte anche dalla Cina.

 

COMMENTI