Il nuovo mercato HalalHoliday cattura gli agenti di viaggio digitali offline

21/07/2019 di Redazione

I viaggi per i musulmani hanno una nuova piattaforma di prenotazione online con il lancio giovedì di HalalHoliday a Kuala Lumpur. Ma, a differenza della maggior parte degli altri servizi digitali, questa soluzione unisce la tecnologia con il commercio di viaggi offline.

Il sito è stato fondato da Ab Rahman Mohd Ali, dirigente di una tradizionale agenzia di viaggi specializzata in pacchetti di viaggio a misura di musulmano. È gestito da World Halal Holiday for Muslim (WHHM), una società tecnologica che Ab Rahman ha lanciato per sviluppare prodotti di viaggio intelligenti.

L’obiettivo di HalalHoliday è quello di diventare il primo mercato di viaggi online “Muslim Friendly” al mondo e si scontrerà immediatamente con HalalBooking, HolidayMe, HalalTrip e l’ultimo entrante Rihaala.

Entrare nell’agenzia di viaggi online (OTA) dopo 30 anni come “agente di viaggio offline” era stato un salto nell’ignoto, ha detto Ab Rahman al lancio di HalalHoliday.

“Siamo offline ma [c’è] questa tendenza emergente online da esplorare. Sì, abbiamo sentito che questo settore è completamente penetrato, ma abbiamo preso un rischio calcolato e [deciso] di divertirci. ”

Attualmente in versione beta e incentrata sugli arrivi dei visitatori in Malesia, HalalHoliday sarà pienamente operativo a settembre, quando elencherà 600.000 hotel in 180 paesi, con voli disponibili su oltre 500 compagnie aeree. Fino ad allora, saranno in vendita pacchetti turistici per più di 60 destinazioni, incluse le offerte haji e umrah, i tour in Malesia e le crociere halal.

Il suo approccio si concentra sulla raccolta e vendita di pacchetti offerti dalle agenzie di viaggio tradizionali, tra cui Ab Rahman’s POTO e RAFA Travel and Tour, che hanno già aderito con HalalHoliday. Al contrario, la maggior parte dei rivali, puramente digitali, per lo più imposta le proprie offerte direttamente con alberghi e gruppi di ospitalità.

“Riteniamo che l’opportunità offline-to-online sia significativa”, ha affermato Ab Rahman.

HalalHoliday ha collaborato con l’associazione malese di Tour and Travel Agents (MATTA) e l’Associazione degli agenti di viaggio di Umrah e Hajj (PAPUH) per attirare più agenzie tradizionali per elencare le loro offerte sulla piattaforma HalalHoliday, trasformandola in un marketplace per gli operatori di viaggio.

Jerry Ho, che gestisce le operazioni alla WHHM, ha affermato che i legami con gli organismi commerciali aiuteranno HalalHoliday ad attrarre più agenzie di viaggio non musulmane per lavorare con il “mercato”.

Agli enti sarà richiesto di adottare i requisiti del MUSFIT, uno standard di viaggio amico dei musulmani, che fornirà corsi di formazione per dimostrare che gli agenti non musulmani hanno familiarità con le esigenze specifiche dei viaggiatori halal.

Il lancio di HalalHoliday arriva in un momento in cui le agenzie di viaggio malesi devono cambiare il loro approccio al business e diventare più “produttive e agili”, secondo Tan Kok Liang, presidente di MATTA.

I dati di MATTA mostrano che meno dell’1% delle circa 5000 agenzie di viaggio della Malesia consentono la prenotazione online. La maggior parte non ha una presenza digitale, meno del 10 percento fa una qualche forma di marketing digitale e meno del 5 percento ha investito in un team digitale.

Ciò corrisponde ad una fase molto iniziale di sviluppo per la prenotazione di viaggi online nel paese, con le sue agenzie apparentemente non disposte a interrompere il tradizionale commercio di viaggi, ha detto Tan.

“È giunto il momento per trasformare il tradizionale business dei viaggi in modelli aziendali digitali di precisione”.

“La maggior parte dei leader aziendali concordano sul fatto che la digitalizzazione finirà con l’ottimizzazione del settore dei viaggi. Come non stare al passo con questi rapidi cambiamenti radicali nella digitalizzazione? Perché aspettare? “Ha aggiunto.

Tuttavia, il mercato dei viaggi online è “molto, molto difficile” da decifrare e la longevità degli affari non è garantita per i nuovi arrivati, secondo Fazal Bahardeen, amministratore delegato di CrescentRating, una società di viaggi halalTrip, un servizio di prenotazione online e concorrente “putativo” di HalalHoliday .

“Questo non è il primo sito web come questo, posso contare almeno 10 siti web che sono arrivati ​​negli ultimi anni”, ha dichiarato Bahardeen , “..Ma mostra quello che ho detto per molto tempo, ovvero che il mercato dei viaggi halal è davvero un segmento in crescita”.

Secondo quanto dichiarato dal Ministro del Turismo della Malesia, Mohammaddin bin Ketapi, il segmento turistico “Muslim Friendly” potrebbe svolgere un ruolo nell’aumentare gli arrivi di visitatori, contribuire alla crescita economica e contribuire a guidare gli investimenti.

L’anno scorso, il paese ha ricevuto 5,2 milioni di turisti musulmani, che rappresentano poco più del 20 percento degli arrivi turistici totali, secondo le cifre del ministero. Approvando HalalHoliday, il ministro ha indicato che potrebbe “incrementare l’afflusso di una nuova “specie” di giovani viaggiatori musulmani”.

Ottenere un alto funzionario governativo per promuovere la piattaforma non è stato facile per la squadra di Ho, ma gli obiettivi di HalalHoliday si adattano alle ambizioni del ministero del turismo di attirare più visitatori, ha aggiunto.

“Questo sarà un progetto nazionale per la Malesia – siamo già il centro halal del mondo, ma l’aumento del numero di visitatori in Malesia è l’intenzione del governo. Sappiamo tutti che lo sviluppo dei viaggi musulmani ha un grande potenziale “.

COMMENTI