Il Kashmir è una prigione militare, riferiscono gli attivisti

18/08/2019 di Redazione

L’intero stato del Kashmir è attualmente una prigione e sotto il controllo militare, ha rivelato una squadra di attivisti indiani che ha visitato la regione dopo l’imposizione del coprifuoco.

Il rapporto, presentato mercoledì a Nuova Delhi, ha rilevato che le persone che vivono sotto il coprifuoco hanno espresso “enorme rabbia e angoscia”, in risposta alla mossa a sorpresa del governo del Primo Ministro Narendra Modi di revocare una disposizione costituzionale che ha dato alla popolazione prevalentemente musulmana un certo grado di autonomia e impedito agli estranei di acquistare terreni nella incontaminata regione dell’Himalaya.

Ha affermato che le proteste si sono verificate quotidianamente, anche se i vincoli sul movimento e sulla comunicazione significano che la risposta è stata ampiamente attenuata.

Gli autori del rapporto, tra cui l’economista Jean Dreze, hanno descritto la situazione nel Kashmir amministrato dall’India come “triste” e hanno detto che la repressione aveva “paralizzato la vita economica”. Il team ha dichiarato di aver viaggiato in città e villaggi lungo la valle del Kashmir tra il 9 agosto e il 13 agosto, comprese le aree meridionali che sono state di recente focolai di attività ribelle.

Maimoona Mollah, un’attivista della squadra investigativa, ha paragonato la situazione nella regione al protocollo di sicurezza israeliano nei territori palestinesi.

“Il Kashmir è come una prigione aperta”, ha affermato Vimal Bhai, un altro attivista della squadra.

Sebbene i 4 milioni di residenti nella valle del Kashmir siano abituati ai coprifuoco, quello che stanno vivendo è senza precedenti.

Dall’indipendenza dal dominio e dalla spartizione britannica nel 1947, India e Pakistan hanno combattuto due guerre per le loro rivendicazioni sul Kashmir, con ciascun contendente che controllava parte della regione.

La parte indiana ha assistito a numerose rivolte, tra cui una sanguinosa ribellione armata lanciata nel 1989 per chiedere l’indipendenza o una fusione con il Pakistan. Circa 70.000 persone sono state uccise in quella rivolta e in una successiva repressione militare indiana che ha lasciato il Kashmir esausto, traumatizzato e distrutto.

Ancor prima che il parlamento indiano votasse il 6 agosto per spogliare lo stato federato del Jammu e Kashmir della sua indipendenza e dividerlo in due territori federali, il governo centrale aveva imposto il coprifuoco, sospeso i servizi di telefonia e internet e dispiegato decine di migliaia di nuovi soldati nella regione – già una delle zone più militarizzate del mondo.

In uno dei numerosi video e foto che gli attivisti hanno mostrato ai giornalisti, si possono udire le voci di ragazzi, anche minorenni, detenuti illegalmente e seviziati dai militari, mentre altre persone hanno dichiarato che la regione ha assistito a sporadiche proteste, alcune delle quali sono state accolte con la forza dalle forze paramilitari indiane.

“Centinaia di ragazzi e ragazzi vengono raccolti dai loro letti durante le incursioni di mezzanotte. L’unico scopo di queste incursioni è creare paura. ”

Gli attivisti hanno affermato che il loro rapporto e le loro immagini mettono in dubbio il comportamento del governo, nonché alcuni report dei media indiani, che descrivono il Kashmir come “calmo”.

Un portavoce del ministero degli interni indiano aveva, infatti, twittato che le forze dell’ordine nella parte del Kashmir controllata dall’India avevano “mostrato moderazione” e che nessun proiettile era stato sparato nella regione, ma, evidentemente, le cose non erano andate proprio così, secondo le testimonianze raccolte dagli attivisti indiani.

COMMENTI