I musulmani e il calcolo lunare del mese (I parte)

Come è ben noto, il calcolo dei mesi sacri dell’Islam è basato sul calendario lunare. Questo è stato detto nel Corano in diversi passi: «Il sole e la luna secondo un calcolo preciso», sura “Il Misericordioso”, versetto 5; «È Lui che ha fatto del sole uno splendore e della luna una luce, ed ha stabilito le sue fasi, perché possiate conoscere il numero degli anni e il computo», sura “Yunus”, versetto 5.

Indica a tutti i musulmani il metodo da applicare per determinare l’inizio di un mese. Dovrebbe essere così per tutta la comunità mondiale, perché è il Corano stesso che afferma quando qualcuno vede l’inizio tutti dovrebbero seguirlo. Ci sono, però, Paesi che non applicano alla perfezione questo: c’è chi inizia prima e chi dopo, e quasi ogni anno questa discordanza provoca dissapori in tutta la comunità.

Il Corano, nella sura “La Giovenca”, versetto 255, afferma: «E della Sua scienza colgono solo ciò che Egli vuole», ossia Dio incoraggia i musulmani alla conoscenza, alla scienza e le sue scoperte, perché tutto ciò che si conosce dipende dalla sua volontà di far conoscere. Incoraggiando alla scienza si dà la possibilità di usufruire dei suoi vantaggi e all’uso sotto ogni forma che faccia del bene della scoperta, e di conseguenza all’uso dei calcoli per l’inizio dei mesi, basato sull’osservazione.

Il calcolo dell’inizio di un mese non è un’adorazione verso Dio, e non si compie uno stravolgimento della fede se per decidere l’inizio di un mese si adeguano i calcoli all’osservazione del crescere della luna. Metodo in vigore da qualche tempo in molti Paesi, come quelli del Golfo, dove l’inizio del mese è basato sui calcoli, e certo non questi Paesi vengono tacciati di essere estranei all’Islam. E in tutto il mondo il calendario usato è quello gregoriano, e i musulmani seguono un calendario, anche se forse inconsapevolmente, che è basato su calcoli scientifici. Dunque, questa sarebbe, secondo alcune teorie che indicano il metodo scientifico come una cosa da non seguire, una cattiva azione dei musulmani?

(continua)

COMMENTI