I “meme” italiani contro il virus, imitati nel mondo

Di noi italiani se ne dicono tante nel mondo, ognuno all’estero ci etichetta con nomignoli di ogni specie e spesso dispregiativi specialmente quando dal nulla, come sempre il nostro genio li ha abituati, creiamo “qualcosa” che funziona,  anche nei paesi dove riceviamo critiche per il nostro essere, appunto, italiani.

Essere italiani è un onore, e molti autori delle critiche le muovono perché loro stessi non hanno ciò che il buon Dio ha donato alla nostra penisola e alla sua gente, compresi coloro che ci abitano. Eh sì, perché anche se qualcuno proviene da terre lontanissime, dopo qualche tempo, spesso brevissimo, è preso dalla tentazione di assimilarsi all’italianità, perché assapora il nostro vivere e non riesce più a tornare indietro.

Essere influenzato, è il caso di dirlo, da millenni di storia, arte, pensiero, tecnica, letteratura, scoperte, invenzioni, musica, commedia e politica non è cosa da tutti! Abbiamo visto in questo mese come siamo passati da essere considerati “pazzi” a esser seguiti da tutti, anzi, qualcuno tenta anche di superarci nelle azioni prese dal governo.

E non solo il governo, ora in Germania, la dura, severa, inquadrata terra teutonica, iniziano ad affacciarsi sui balconi a cantare, suonare e fare ciò che fino a tre giorni fa facevamo noi, e gli altri, oltralpe, guardavano con sorriso sarcastico.

E ancora non è finita. Girano sui social i primi video e “meme” in lingua spagnola, tedesca e araba che cercano con la satira di sollevare questo periodo di crisi prendendo in giro tutto ciò che è intorno a questo virus che scatena il pandemonio. Qui sono mesi che riceviamo sui nostri WhatsApp, gruppi e profili Facebook e Twitter migliaia di vignette, messaggi e video per tirarci su, abbiamo anche trasmissioni, che ci allietano e ci fanno sorridere mostrando queste nostre trovate.

E tutti noi siamo grati a quegli italiani che sfruttano il loro talento artistico, intellettuale, sarcastico, comico e drammatico per allietare le nostre surfate sul web e le nostre giornate in quarantena. Ne abbiamo di tutti i tipi, imitazioni del presidente invecchiato che ci dice di stare a casa, imitazioni di politici che non sono più tra i top influencer che si dimenano a ritornare, video sullo sbotto degli italiani chiusi in casa, sketch su come combinare disastri nella propria camera, foto ritoccate di gente in casa con paesaggi vacanzieri, sigle adattate, itinerari casalinghi turistici, immagini di nomi di città paesi o aziende che vengono rivisti per questo periodo particolare.

Tutto per far sorridere. Il genio italiano si mostra anche in questo, e come sempre accade, dopo aver capito che noi facciamo tutto per il nostro benessere, gli altri, dalle altre parti del mondo, a testa china, ci imitano.

Care Lettrici, cari Lettori,

Daily Muslim è la voce libera dei Musulmani in Italia e nel mondo.

Potete sostenerci con una piccola donazione cliccando qui.

Grazie!

COMMENTI