Hossein Askari, il fondatore di Islamicity index

29/07/2019 di Redazione

In esclusiva per il Daily Muslim, abbiamo intervistato Hossein Askari uno dei più grandi studiosi dello sviluppo economico in Medio Oriente e nell’Islam e fondatore di Islamicity index. Ex Consigliere speciale del Ministro delle finanze dell’Arabia Saudita, già nel cda dell’ FMI (Fondo Monetario Internazionale), successivamente Presidente del Dipartimento Affari Internazionali, alla George Washington University.

 

Per favore, ci parli di Hossein Askari:

Sono nato in Iran. Mio padre morì quando avevo nove anni e fui mandato in un collegio inglese. È stato un momento difficile della mia vita. Non conoscevo una parola di inglese ed il collegio era un posto difficile per uno straniero, negli anni successivi alla seconda guerra mondiale. Ho ricevuto la mia istruzione elementare e secondaria in Inghilterra. Ho quindi fatto domanda per il MIT e la Caltech negli Stati Uniti. Sono stato accettato al MIT. Ho studiato ingegneria civile, poiché questo era il desiderio di mio padre. Non avevo intenzione di praticare l’ingegneria, ma l’ho fatto in memoria di mio padre che era il mondo per me. Ho terminato i miei studi di ingegneria in tre anni invece dei normali quattro anni e poi ho frequentato la Sloan School of Management per i miei Master. Ma il mio obiettivo era diventare un economista / politico e tornare in Iran. Sono stato accettato nel programma di dottorato al MIT. Ho avuto insegnanti fantastici, tra cui Franco Modigliani, che ho visto come un padre. Lui e sua moglie sono stati meravigliosi con me e con i miei figli. Ho avuto l’onore di scrivere molti articoli con Franco, che mi ha fatto conoscere alcuni italiani illustri, tra cui Guido Carli. Avevo anche un certo numero di italiani come compagni di classe. Ho conseguito il dottorato di ricerca e ho iniziato a insegnare alla Tufts University nel 1969. Poi sono diventato professore ordinario all’Università del Texas ad Austin.
Successivamente, ho preso un congedo dall’Università del Texas per diventare Consigliere speciale del Ministro delle finanze dell’Arabia Saudita e per istituire la presidenza dell’Arabia Saudita nel Consiglio esecutivo dell’FMI.

Ho prestato servizio per due anni e mezzo nel consiglio di amministrazione dell’FMI e spesso ho rappresentato l’Arabia Saudita nel consiglio di amministrazione dell’FMI. Ho sviluppato l’idea per un aumento speciale della Quota per l’Arabia Saudita, dando all’Arabia Saudita un effettivo seggio permanente nel consiglio di amministrazione ed ho aiutato nelle negoziazioni di un prestito di 10 miliardi di dollari all’ FMI, che a quel tempo era il più grande prestito unico all’ FMI. Nel 1982 ho lasciato l’ FMI e mi sono dimesso dall’Università del Texas per unirmi alla George Washington University, dove ho ricoperto la carica di Presidente del Dipartimento Affari Internazionali, Direttore dell’Istituto di Gestione e Ricerca Globale e Professore Iraniano di Affari Internazionali dal 1998 al 2018.
A metà degli anni ’80, ho diretto un team internazionale che ha sviluppato i primi modelli e piani energetici nazionali, regionali e internazionali per l’Arabia Saudita. Nel periodo 1990-1991 i governi di Iran e Arabia Saudita mi hanno chiesto di agire come intermediario per ripristinare le relazioni diplomatiche; e nel 1992 mi è stato chiesto dall’emiro del Kuwait di mediare con l’Iran.
Più di recente, circa tre anni fa, ero pronto a insegnare e ricercare per un anno alla LUISS Guido Carli, ma ho dovuto annullare e spero che l’occasione si ripresenti perché amo l’Italia e mi piacerebbe trascorrere un anno in Italia.
Nel gennaio 2019 sono diventato professore emerito. Dedicherò tutto il mio tempo alla Islamicity Foundation, esente da tasse, che ho fondato per gestire il programma degli indici di islamicità e spero che con il tempo porteremo questo programma innovativo in un’università accogliente per la sua casa.

 

 

Spieghi ai nostri lettori quali sono gli indici di islamicità:

Nel 2007 abbiamo sviluppato il concetto di Indici islamici. Gli Indici islamici hanno un sito Web dedicato con articoli, podcast e gli ultimi indici, che vengono aggiornati ogni anno.
Come è potuto succedere? Quando abbiamo guardato ai paesi a maggioranza musulmana, non abbiamo potuto fare a meno di vedere che non riflettevano gli insegnamenti dell’Islam. Molti di questi paesi erano governati da dittatori oppressivi. Ci furono ingiustizie e corruzione dilaganti. Alcuni hanno avuto molto, mentre la maggioranza ha sofferto con poche speranze per un futuro migliore. Abbiamo visto la povertà accanto al lusso grottesco. C’è stata un’assenza di rispetto per i diritti umani e politici. Abbiamo visto conflitti. Per noi l’Islam è tutto incentrato sulla giustizia, ma abbiamo visto poco riflesso di ciò nelle istituzioni di giustizia e nella sua attuazione.
In breve, mentre l’Islam è un sistema basato sulle regole, non abbiamo visto le regole che l’Islam raccomanda per una comunità musulmana rispettosa delle regole. Le regole si riflettono a loro volta nelle istituzioni e il pensiero economico moderno è che le istituzioni efficaci sono il fondamento di comunità fiorenti ed in crescita. In altre parole, società e paesi di successo hanno istituzioni efficaci alla loro base.
Quindi, abbiamo iniziato a identificare le importanti regole dell’Islam e delle istituzioni che vengono sostanzialmente racchiuse in quattro grandi aree: economia, legale e governance, diritti umani e politici e relazioni con altri paesi. Quindi, abbiamo trovato dati che rappresentavano al meglio i valori e le caratteristiche di una società musulmana rispettosa delle regole. Poi, abbiamo stimato questi indici per tutti i paesi per vedere se si sono comportati bene.

Si noti che questi indici non valutano le esigenze personali di un musulmano (come preghiere quotidiane, digiuno, pellegrinaggio e simili) o impegni di convinzione, si basano invece su obiettivi coranici e sull’entità dell’adesione di una società alle sue raccomandazioni istituzionali e di governance. Pertanto, gli indici forniscono una misura imparziale per il confronto delle prestazioni dei paesi musulmani e non musulmani, poiché volevamo confrontare non solo i paesi musulmani, ma anche quelli non musulmani. In una comunità musulmana, rispettosa delle regole, devono esserci libertà politica e individuale, nessuna povertà accanto alla ricchezza, pari opportunità di auto-sviluppo (istruzione, assistenza sanitaria, bisogni di base), prosperità economica, responsabilità di governanti e governi, nonché giustizia socio-economica.

 

 

Quali sono i risultati, come si posizionano i paesi musulmani in classifica?

I paesi musulmani si comportano male. Gli indici 2018, pubblicati il 15 maggio (www.IslamicityIndices.Org) mostrano che la Nuova Zelanda è la più performante come nel caso dell’indice dell’anno scorso, seguita da Svezia, Paesi Bassi, Islanda, Svizzera e Irlanda. I primi 20 paesi sono quelli del Nord Europa, della Nuova Zelanda, del Canada, dell’Australia e del Giappone. I primi cinque paesi musulmani, invece, sono: Emirati Arabi Uniti (45), Albania (46), Malesia (47), Qatar (48) e Bosnia ed Erzegovina (60). La maggior parte dei paesi musulmani si trova nella metà inferiore con il Sudan (152) e lo Yemen (153) nella parte inferiore. Mentre la performance dei paesi musulmani nell’indice complessivo è negativa, la loro performance sull’indice dei diritti umani e politici è ancora peggiore con i paesi musulmani di rango più elevato: Albania (43), Bosnia ed Erzegovina (50), Repubblica del Kirghizistan (76), Malesia (79) e Libano (80). Questi risultati danno vita alle parole di Mohammad Abduh pronunciate oltre un secolo fa “Sono andato in Occidente e ho visto l’Islam, ma nessun musulmano; Sono tornato in Oriente e ho visto i musulmani, ma nessun islam “.

 

Qual è l’utilità pratica di questi indici?

Questi indici forniscono un metodo conciso per trasmettere gli insegnamenti fondamentali dell’Islam, un punto di riferimento per valutare quanto bene le comunità musulmane hanno adottato questi insegnamenti e una tabella di marcia per la riforma e lo sviluppo di queste comunità. Gli indici di islamicità consentono ai musulmani di concentrarsi sulla fonte indiscutibile della loro religione, il Corano, e sono un indicatore continuo delle prestazioni dei loro governanti, governi e comunità. Gli Indici forniscono anche un approccio semplice per spiegare l’Islam al mondo non musulmano. Con una migliore comprensione dell’Islam sia nelle comunità musulmane che in quelle non musulmane, nei paesi musulmani si realizzeranno più rapidamente riforme pacifiche e istituzioni efficaci.
Gli indici islamici offrono una bussola morale e trasparente per le riforme. I governanti possono presentare questi indici come un patto con la loro gente per raggiungere un livello di riforma concordato entro un determinato periodo di tempo – suggeriamo in un intervallo di 10-20 anni, a seconda dello stato prevalente del paese e del grado di riforme concordato. E i governanti e il loro popolo sarebbero d’accordo su un meccanismo per rivedere il risultato degli indici ogni anno e su come cambiare e adattare le politiche per affrontare le carenze. Speriamo che i sovrani nella maggior parte dei paesi musulmani saranno ispirati ad adottare questi indici per introdurre riforme pacifiche e significative in tutto il mondo musulmano per costruire società fiorenti e giuste. L’adozione di tali riforme rafforzerà la cooperazione interna, aumenterà gli investimenti da fonti nazionali ed estere, attirerà società straniere e, a sua volta, alimenterà la crescita economica. Con l’adozione di questi indici in alcuni paesi musulmani, anche molti altri paesi musulmani saranno incoraggiati a riformarsi. I paesi che professano l’Islam dovrebbero essere i primi ad adottare le sue regole ed i dogmi che raccomanda. Più sono lunghe le riforme, più diventano difficili da attuare.

 

 

Come hanno fatto i paesi musulmani ad essere in un così cattivo stato?

Secondo me, l’Islam è stato sequestrato quasi immediatamente dopo la morte del profeta da parte dei sovrani. I sovrani oppressivi e corrotti sostenuti da chierici compiacenti hanno ribaltato gli insegnamenti fondamentali del Corano, al fine di ottenere il potere assoluto e vivere nell’opulenza mentre soggiogavano il loro popolo. Più recentemente, i dittatori musulmani sono stati supportati da potenze straniere egoiste. Allo stesso tempo, i musulmani hanno ricevuto un messaggio sull’Islam incentrato sulle sfaccettature in gran parte meccaniche della religione, i cinque pilastri, resi popolari dagli accademici, ed a cui è stato impedito di discutere il significato più profondo degli insegnamenti e la loro pratica contenuti nel Corano. Gli indici di islamicità dimostrano che paesi come Svizzera, Svezia, Danimarca, Norvegia e Nuova Zelanda riflettono meglio gli insegnamenti islamici e le loro istituzioni, rispetto ai paesi che professano l’Islam. Poiché i musulmani trovano poca speranza in un futuro migliore nelle società oppressive, ai terroristi è stato fornito un esercito di reclute per rovesciare le dittature musulmane e causare danni alle superpotenze in Occidente. Gli indici di islamicità forniscono un punto di riferimento per i musulmani nel discutere il significato e l’applicazione della loro religione, per monitorare i loro successi e fallimenti e per costruire istituzioni efficaci per un’inversione di tendenza.

 

 

Cos’è la Islamicity Foundation e chi sono i suoi collaboratori?

La Islamicity Foundation, esente da tasse, è stata fondata con la missione di stimolare una riforma pacifica e istituzioni efficaci nei paesi musulmani, usando gli indici di islamicità come strumento e bussola morale per raggiungere questo obiettivo. Speriamo di ottenere una dotazione. Con il tempo, speriamo di portare questo programma in un’università di livello mondiale come casa. E, soprattutto, speriamo di stabilire un partner in ogni paese. Siamo orgogliosi della nostra collaborazione e associazione con Karim Benvenuto in Italia.
Sono il presidente della Fondazione. Abbiamo Hossein Mohammad khan come vicepresidente, che gestisce tutti gli indici. Fara Abbas, la nostra partner per l’Afghanistan, è un direttore e supervisiona i nostri rapporti. Mostafa Omidi è il nostro webmaster. Liza Mydin, la nostra partner in Malesia, contribuisce ai nostri libri e pubblicazioni. Due ex studenti della George Washington University, Eddy Rastgoo e Keian Razipour, hanno gestito i nostri social media. Infine, abbiamo beneficiato di due traduttori che hanno tradotto il nostro libro sugli Indici dell’Islam in francese e persiano.

 

 

Secondo lei, dov’è l’Islam in questo momento storico?

Oggi la civiltà islamica è in crisi e la crisi si acuirà solo se non si fa nulla. I paesi musulmani hanno urgente bisogno di riforme pacifiche per il loro popolo e il loro successo è, a sua volta, importante per la sicurezza del nostro mondo. Si prevede che entro il 2050 ci saranno tre miliardi di musulmani, che rappresentano il 30% della popolazione mondiale. Tuttavia, la maggior parte dei musulmani vive sotto un dominio oppressivo, non ha buone opportunità di auto-sviluppo e ha poche speranze per un futuro migliore. I conflitti est-ovest si allargheranno e bombe, droni e sanzioni non faranno altro che peggiorare le cose. I paesi musulmani devono costruire istituzioni efficaci per fiorenti comunità. È molto probabile che la riforma e le sue istituzioni necessarie avvengano nel contesto degli insegnamenti islamici. Gli indici di islamicità offrono una bussola e un programma per la riforma.

 

 

Secondo lei, la finanza islamica può essere applicata nel contesto del sistema capitalistico europeo?

Vorrei iniziare delineando l’essenza della finanza e delle banche islamiche. Come sapete, si tratta di condividere il rischio, avere interessi in gioco, al contrario del cambiamento di rischio. Quindi il debito fruttifero è proibito. Invece, la partecipazione azionaria, in altre parole il possesso di quote azionarie, è raccomandata.
A mio avviso, la condivisione del rischio offre maggiore stabilità a un sistema finanziario e bancario. Come ben sapete, la ricerca accademica ha dimostrato che le crisi finanziarie si verificano in gran parte a causa di una grande carenza di debiti. Quindi penso che la premessa di base della finanza e delle banche islamiche sia solida.
Può essere applicato in un sistema capitalista? Sì, ma dobbiamo fare diverse cose. In primo luogo, dobbiamo rimuovere il nome “islamico” e chiamarlo in altro modo, come il finanziamento con ripartizione del rischio. È triste, ma vero, l’islamofobia dilaga nel nostro mondo. In secondo luogo, dobbiamo educare il pubblico sugli strumenti di condivisione del rischio. Terzo, dobbiamo creare condizioni di parità. Nella maggior parte dei paesi, le norme ed i regolamenti, in particolare quelli relativi alla fiscalità, favoriscono il debito; quindi, abbiamo bisogno di cambiare le leggi per mettere il debito e le azioni su un terreno piano in modo che possano competere equamente.

 

 

L’assicurazione sulla vita e sulle auto, con l’assicurazione auto obbligatoria, è un problema per i musulmani in Italia. In che modo tale assicurazione può essere fornita ai musulmani in conformità agli insegnamenti islamici sull’assicurazione?

Come sapete e come abbiamo già elaborato in precedenza, nell’Islam vietiamo lo spostamento del rischio, ma sosteniamo la condivisione del rischio. Quindi penso che ci sia una grande opportunità per un imprenditore di creare un’organizzazione di mutua assicurazione in Italia per le automobili e un’altra per l’assicurazione sulla vita. Ogni persona che necessiti di un’assicurazione pagherebbe in un fondo ed i partecipanti sarebbero i proprietari della compagnia di mutua assicurazione e condividerebbero il rischio. Per distribuire meglio il rischio, questo potrebbe essere esteso ad altri paesi dell’UE, al fine di diversificare meglio il fondo.

 

 

Qual è lo sviluppo dei suoi sogni per il programma Indici islamici?

Ecco la mia lista. In primo luogo, spero che potremo convincere alcuni governi dei paesi musulmani ad adottare i nostri indici come bussola per la loro riforma per un periodo di 20 anni. Realisticamente, i candidati più probabili sarebbero Malesia, Indonesia, Bosnia -Erzegovina e Qatar. Questo aprirà la strada ad altri paesi musulmani. In secondo luogo, sarebbe utile se avessimo partner attivi in tutti i paesi, come Karim Benvenuto in Italia. Dobbiamo educare i musulmani ad assumere un ruolo attivo nella loro religione e non lasciare che chierici, governanti e tanto meno terroristi impongano il significato della loro religione. In terzo luogo, sto cercando un’università accogliente dove possiamo ospitare questo programma o almeno avere un’affiliazione molto stretta. All’interno di un’università, proporrei di tenere seminari su questi indici, sulla giustizia e lo sviluppo nell’Islam e sull’economia e la finanza islamica. Spero di dare energia agli studenti, ampliare l’offerta di corsi e stabilire programmi di scambio di studenti e facoltà e partenariati con i paesi musulmani per creare una comunità globale che comprenda e sostenga la missione di riforma. Con il tempo, spero che il Programma degli Indici dell’Islam diventi, un giorno, un’iniziativa faro per l’università. In quarto luogo, spero che aumenteremo una dotazione significativa in modo che il programma possa avere una posizione indipendente.
Ma il mio sogno generale è quello di iniziare il processo di riforma significativa nei paesi musulmani per costruire comunità fiorenti. Mi rendo conto che ci vorranno decenni. Ma se riusciamo a realizzare i quattro punti precedenti, ciò potrebbe richiedere anni anziché decenni. Vorrei solo che anche il mondo non musulmano si rendesse conto che questo programma è il modo migliore per ridurre le tensioni globali e ristabilire l’equilibrio nel nostro mondo.

COMMENTI