Grecia: la moschea di Atene aprirà probabilmente entro settembre

25/06/2019 di Redazione

Il ministro greco dell’Istruzione e delle Religioni afferma che la prima moschea sponsorizzata dallo stato
dovrebbe entrare in funzione a settembre, circa tre anni dopo l’approvazione da parte del Parlamento. Kostas Gavroglou ha parlato venerdì durante una visita alla moschea, quasi completata, alla periferia del centro di Atene, accompagnato da rappresentanti della comunità musulmana.

“È particolarmente positivo che presto ci sarà la prima preghiera dell’imam della moschea di Atene; speriamo che questo accada al più tardi a settembre”, ha dichiarato Gavroglou. Sotto la supervisione dello Stato greco, la moschea da 350 posti, che non ha né il minareto, né la cupola, è situata nella zona industriale di Eleonas, vicino a un campo profughi. Il progetto di costruzione da $ 967.000 non ha la grazia ornata tipica dei luoghi di culto islamici. Ma per i musulmani di Atene, è il risultato di una lunga battaglia e la prima moschea ufficiale della città in oltre 180 anni.

Decine di migliaia di migranti musulmani vivono nella grande area di Atene e hanno utilizzato sale di preghiera informali in scantinati e negozi dismessi. Il quasi completamento della moschea è stato salutato con sollievo dai membri della comunità musulmana della capitale. “Vorrei iniziare ringraziando Allah, che finalmente abbiamo una moschea dove possiamo pregare, possiamo accogliere, possiamo discutere”, ha detto Zaki Mohamed, l’imam della
moschea. Ashir Haidar, un rappresentante della comunità musulmana sciita della Grecia, ha descritto l’apertura imminente come “un sogno diventato realtà”. “È un grande dono dallo stato greco alla comunità musulmana di Atene ed è un’opera simbolica che mostra il rispetto dello stato greco nei confronti della religione islamica”, ha affermato. Il ministro greco Gavroglou ha osservato che la moschea di Atene, a  differenza della maggior parte in Europa, è un luogo di culto pubblico e non di proprietà privata.

“Non appartiene a nessuno, perché appartiene a tutti noi e tutti voi”, ha detto. “Qui, il proprietario non è
un individuo, né una comunità, né una società, né un paese straniero.”

Il progetto è iniziato nel 2007 tra la forte opposizione della influente Chiesa ortodossa di Grecia e il sentimento nazionalista contro la vicina Turchia musulmana.

La Grecia è stata sotto l’ occupazione dall’Impero Ottomano per secoli. Sono state approvate diverse leggi sulla
creazione di una moschea ufficiale ad Atene dal 1890. Ci sono circa 300.000 musulmani nella grande area di
Atene. Le moschee in Grecia furono riproposte o demolite in seguito alla guerra d’indipendenza del 1821
dall’impero ottomano. Le uniche moschee ufficialmente autorizzate nel paese si trovano nella regione di
confine settentrionale con la Turchia, dove vivono fino a 150.000 membri di una minoranza musulmana.

COMMENTI