Emirati Arabi : L’Aafaq riflette su una possibile IPO, mentre scommette sulla crescente domanda di finanza islamica

25/07/2019 di Redazione

Aafaq Islamic Finance, con sede negli Emirati Arabi Uniti, è ottimista sul suo futuro in quanto si espande nel commercio al dettaglio e considera un’offerta pubblica iniziale (IPO).

Il fornitore di prodotti di finanziamento islamici e soluzioni di e-government è attualmente una società privata non quotata, ma il piano è di renderla pubblica tra due anni, ha dichiarato ai giornalisti Saif Ali Al Shehhi, direttore amministrativo e CEO di Aafaq Islamic Finance.

“Di recente, abbiamo trasferito la nostra registrazione al Dubai Financial Market (DFM) e ora siamo una delle società – non pubbliche – registrate presso DFM”, ha affermato Al Shehhi.

“La decisione di registrare Aafaq al DFM è stata per un motivo: fare una IPO e quindi quotare la società [con 635 milioni di dirham nel capitale]. Il requisito è che devi aver realizzato profitti per due anni consecutivi. ”

Nel 2018, Aafaq ha registrato un “utile ragionevole” e ha pagato un dividendo del sette percento ai suoi azionisti, secondo Al Shehhi. Si aspetta un profitto altrettanto positivo nel 2019.

Il dato del 2018 non è conosciuto, ma, nel 2017, la società ha registrato un utile netto di 43 milioni di dirham ($ 11,7 milioni).

“Sulla base di ciò, il consiglio penserà di fare una IPO entro il 2020. E se optiamo per la IPO, significa che finiremo per quotare la società in DFM.”

Aafaq ha aperto la sua prima filiale ad Abu Dhabi a dicembre. L’outlet dello showroom servirà da modello per l’espansione dell’azienda negli Emirati Arabi Uniti. La società ha recentemente lanciato tre carte di credito platino conformi alla Shariah in collaborazione con MasterCard.

Con i nuovi prodotti, l’azienda spera di incrementare il proprio segmento di vendita al dettaglio e acquisire il crescente mercato delle carte di credito negli Emirati Arabi Uniti, dove oltre il 50 percento dei clienti utilizza prodotti bancari islamici, secondo l’Indice islamico bancario 2017 della Emirates Islamic Bank.

Aafaq competerà con altri fornitori di carte di credito islamici, come le grandi banche, conformi alla Shariah, Dubai Islamic Bank e Abu Dhabi Islamic Bank, nonché con filiali di istituzioni convenzionali, come Mashreq Al Islami. Ma Al Shehhi è fiducioso del nuovo prodotto della sua azienda.

“Questo è un mercato libero. Le persone a cui piace viaggiare si recheranno presso una banca che offre una carta di credito Emirates Airline o Etihad Airways, come Citibank o Emirates Islamic. Poi c’è chi ama fare shopping e ottenere sconti sugli hotel e opportunità di cashback. Offriamo un mix di tutto: ristoranti, hotel, negozi e viaggi”..

Aafaq offrirà anche una carta di credito coperta per le imprese, per i lavoratori autonomi e il segmento delle PMI. Attualmente, solo pochi operatori nel mercato degli Emirati Arabi Uniti hanno un’offerta simile, tra cui la Banca islamica di Dubai, Mashreq e RAKBANK.

“Siamo nel settore delle PMI da un po ‘di tempo ormai. Questo sarà un altro strumento da offrire ai nostri clienti che sono alla ricerca di finanziamenti a breve termine “, ha affermato Al Shehhi.

Secondo l’Islamic Banking Index, esiste un potenziale inutilizzato tra i consumatori musulmani quando si tratta di carte di credito, con il 69% che afferma di avere un prodotto convenzionale, contro il 39% che utilizza una carta islamica.

Al contrario, i non musulmani utilizzano sempre più carte di credito conformi alla Shariah, con una percentuale che sale dal 21 al 28% tra il 2016 e il 2017, offrendo l’opportunità alle banche islamiche e alle società finanziarie di continuare questa tendenza al rialzo.

“Vi è una crescente domanda di prodotti finanziari islamici come finanziamenti auto, mutui, prestiti personali e carte di credito, nonché per le PMI e non ha nulla a che fare con nazionalità, religione o genere. L’opportunità è enorme”, ha ancora aggiunto Al Shehhi.

Egli ritiene che l’esperienza della banca centrale degli Emirati Arabi Uniti nella finanza islamica e il suo incoraggiamento agli investimenti nel settore abbia ampiamente contribuito alla crescita delle società finanziarie islamiche.

Oggi la banca centrale degli Emirati Arabi Uniti ha concesso la licenza a 27 società finanziarie – alcune islamiche e altre convenzionali. L’ intenzione di Aafaq è quella di arrivare ad essere tra le prime cinque società finanziarie del paese.

COMMENTI