Dubai: DP World assume Citi, Standard Chartered per il nuovo bond islamico a 10 anni

15/07/2019 di Redazione

L’operatore portuale DP World ha assunto alcune banche per organizzare una serie di incontri con gli investitori in vista di una potenziale emissione di “sukuk” o obbligazioni islamiche in dollari statunitensi a 10 anni; un documento emesso da una delle banche leader dell’operazione mostrata lunedì. DP World, la cui maggioranza si appartiene al governo di Dubai, ha incaricato Citi, Dubai Islamic Bank e Standard Chartered di organizzare gli incontri che si terranno a Hong Kong, Singapore e Londra, a partire da mercoledì 10 luglio. Le tre banche, insieme a Barclays, Deutsche Bank, Emirates NBD Capital, First Abu Dhabi Bank e HSBC sono state incaricate come joint lead manager e joint bookrunner per l’offerta di sukuk. DP World prevede di acquistare Topaz Energy e Marine Limited, fornitore di logistica marina per l’industria energetica globale, per $ 1 miliardo da Standard Chartered e Renaissance Services. Il documento non spiega se i proventi della transazione obbligazionaria pianificata saranno utilizzati per sostenere tale acquisizione.

L’azienda, valutata Baa1 da Moody’s e BBB + da Fitch, sta anche valutando la possibilità di raccogliere ulteriori fondi attraverso obbligazioni convenzionali in dollari americani a lunga scadenza, come parte di un esistente programma di obbligazioni da $ 10 miliardi, secondo il documento. Il sukuk pianificato verrebbe rilasciato come parte di un programma certificato da $ 5 miliardi.

COMMENTI