Cinque nuovi programmi per il Fondo fiduciario per l’Africa

31/07/2019 di Lela Esposito

La Commissione europea ha approvato il 3 luglio scorso cinque nuovi programmi in materia di migrazione nell’Africa settentrionale per un totale di 61,5 milioni di euro. Questi nuovi programmi adottati nell’ambito del Fondo fiduciario di emergenza dell’UE per l’Africa (EUTF) hanno l’obiettivo di intensificare le azioni in corso volte a proteggere e assistere i rifugiati e i migranti vulnerabili nell’Africa settentrionale.

I cinque nuovi programmi adottati dalla Commissione sono i seguenti:

La prima iniziativa adottata (23 milioni di €) mira a rafforzare la protezione e la resilienza dei migranti vulnerabili e dei migranti a rischio, i rifugiati, gli sfollati interni, i rimpatriati e le comunità di accoglienza in Libia, sostenendo nel contempo gli sforzi volti a migliorare la gestione della migrazione lungo le rotte migratorie del paese. L’azione è attuata dall’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR), dal Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione (UNFPA) e dall’ONG italiana CEVI (Cooperazione e Sviluppo Onlus) in consorzio con il Corpo medico internazionale (IMC).

La seconda iniziativa (18 milioni di €) per la stabilizzazione delle comunità mira a rafforzare i servizi delle amministrazioni locali in Libia, in particolare nei comuni maggiormente interessati dai flussi migratori e/o danneggiati dal conflitto, nonché a migliorare le condizioni di vita delle popolazioni vulnerabili, migliorando l’accesso ai servizi di base, alla sicurezza delle comunità e alle opportunità economiche. Il programma sarà attuato dal Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNPD).

La terza iniziativa, adottata con 12 milioni di €, integra il programma di sviluppo e protezione regionale dell’UE attualmente in corso, contribuendo all’istituzione e al potenziamento di servizi inclusivi e promuovendo la coesione sociale e le opportunità di occupazione a livello locale. L’azione sarà attuata da organizzazioni della società civile locali e internazionali.

La quarta iniziativa, per un totale di 5 milioni di €, è un programma regionale per l’imprenditorialità avviato nel quadro delle iniziative pilota sulla migrazione di manodopera volte a rafforzare la mobilitazione delle competenze e delle risorse della diaspora africana in Europa. Expertise France attuerà tale programma.

La quinta iniziativa, per un importo di 3,5 milioni di €, riguarda  l’ampliamento delle attività della Commissione in materia di cooperazione tecnica per rafforzare il quadro di monitoraggio e valutazione delle azioni dell’EUTF per l’Africa settentrionale.

Con questo nuovo pacchetto di azoni, la “sezione per l’Africa settentrionale” ha impegnato 647,7 milioni di € a sostegno di 30 programmi che rispondono a molteplici esigenze della regione.

Il Fondo fiduciario di emergenza dell’UE per l’Africa è stato istituito nel novembre 2015 per affrontare le cause profonde dei trasferimenti forzati e della migrazione irregolare e contribuire a una migliore gestione della migrazione. Il bilancio generale del Fondo fiduciario di emergenza dell’UE per l’Africa ammonta a più di 4,5 miliardi di €, di cui circa l’89 % proviene da contributi dell’UE e circa il 11 % proviene dagli Stati membri dell’UE e da altri donatori.

COMMENTI