Cartagine, dialogo tra le due rive del Mediterraneo

23/02/2019 di Redazione

Un interessante convegno si è tenuto a Cartagine, in Tunisia, il 18 e 19 febbraio scorsi ed ha trattato moltissimi argomenti tra i quali figurano il Mediterraneo, il nazionalismo, il confine, la radice, la dimora, l’origine, il mare, la fluidità e l’identità. L’incontro, durato due giorni, ha caratterizzato il quinto convegno Internazionale di Studi Mediterranei “Identità fluide transnazionali“, che si è tenuto presso la sede Beit al Hikma de “l’Académie des belles lettres” di Cartagine.

L’evento, organizzato dal Dipartimento di italianistica della Facoltà di Lettere dell’Università de la Manouba (Tunisi), l’AISSLI (Associazione Internazionale Studi di Lingua e Letteratura italiana)-Presidenza Africa, in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura di Tunisi, ha come scopo principale il dialogo tra le due rive del Mediterraneo.

Numerosi studi  si soffermano sul concetto di identità fluide transnazionali e il loro impatto sulla rinascita dei movimenti nazionalisti ed estremisti“, hanno spiegato gli ideatori del Convegno, Alfonso Campisi, professore ordinario di Filologia italiana e romanza presso l’Università de la Manouba e Meriem Dhouib, professore associato di letteratura italiana del rinascimento presso la stessa Università. “Estremamente pericoloso è l’uso che dell’identità può fare la politica – proseguono i due professori – per esempio nel caso del nazionalismo spinto all’eccesso, che lega sentimenti di appartenenza a lealismi verso un determinato apparato statale, non di rado spingendo a manifestazioni di xenofobia e a conflitti con paesi confinanti”.

Il convegno ha voluto dare un contributo alla comprensione delle dinamiche di costruzione dell’identità sociale e degli specifici processi psico-sociali che portano al nazionalismo, al razzismo e alla xenofobia e si è concluso con la presentazione del trailer del film “Siciliani d’Africa. Tunisia Terra promessa” di Marcello Bivona e Alfonso Campisi sulle vicende dell’emigrazione in Tunisia dei siciliani ad inizio del secolo scorso e del libro di Marcello Bivona “L’ultima generazione“. Per l’occasione, l’artista Girolamo Palmizi ha regalato alla Tunisia e all’Università de la Manouba la sua opera in acciaio intitolata “Didone“, per ricreare un collegamento, un “ponte” tra Tiro e Cartagine.

Care Lettrici, cari Lettori,

Daily Muslim è la voce libera dei Musulmani in Italia e nel mondo.

Potete sostenerci con una piccola donazione cliccando qui.

Grazie!

COMMENTI