Antica città irachena di Babilonia nominata patrimonio mondiale dell’UNESCO

13/07/2019 di Redazione

L’antica città di Babilonia, menzionata per la prima volta in una tavoletta di argilla del XXIII secolo a.C., è stata dichiarata patrimonio mondiale dell’UNESCO venerdì, dopo un voto che ha seguito decenni di pressioni da parte dell’Iraq.

Il voto, in una riunione del “Comitato per il Patrimonio Mondiale” dell’UNESCO nella capitale dell’Azerbaijan, Baku, ha reso l’antica città mesopotamica, sul fiume Eufrate, il sesto sito del patrimonio mondiale entro i confini di un paese noto come culla della civiltà.

Il presidente iracheno Barham Salih ha dichiarato che la città, ora una rovina archeologica, è stata restituita al suo “posto legittimo” nella storia dopo anni di abbandono da parte dei leader precedenti; anche il primo ministro Adel Abdul Mahdi ha dato il benvenuto alla notizia.

“La Mesopotamia è davvero il pilastro della memoria dell’umanità e la culla della civiltà nella storia documentata”, ha affermato. Il governo si è reso disponibile a stanziare fondi per mantenere e incrementare gli sforzi per la conservazione del sito.

Babilonia, a circa 85 chilometri a sud di Baghdad, un tempo era il centro di un impero tentacolare, famoso per le sue torri e templi in mattoni di argilla. I suoi giardini pensili erano una delle sette antiche meraviglie del mondo, commissionate dal re Nabucodonosor II.
I visitatori possono passeggiare tra i resti delle strutture in mattoni e argilla che si estendono su 10 chilometri quadrati, e vedere la famosa statua del Leone di Babilonia, così come le grandi porzioni dell’originale Porta di Ishtar.

Il sito ha un disperato bisogno di conservazione, sebbene l’UNESCO, a differenza di altri tre siti del Patrimonio Mondiale in Iraq, non abbia rilevato “particolari pericoli”, dopo le obiezioni avanzate dalla delegazione irachena.

L’intero Paese è pieno di migliaia di siti archeologici, molti dei quali sono stati pesantemente danneggiati o saccheggiati dallo Stato islamico durante il suo barbaro governo triennale, conclusosi nel 2017.

Gli altri cinque siti del patrimonio mondiale sono le paludi meridionali, Hatra, Samarra, Ashur e la cittadella di Erbil, la capitale della regione del Kurdistan iracheno.

COMMENTI