Aiuti ai siriani, Cina e Russia stoppano l’Onu

21/12/2019 di Roberto Yusuf Mancini

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite rinnova aiuti a circa quattro milioni di siriani  tramite le frontiere di Turchia e Giordania, ma questi sono a fortissimo rischio. Infatti, la Russia e la Cina hanno usato il loro potere di veto sulle forniture di cibo e medicine. Dal 2014 attraverso  linee di frontiere turche, una giordana e una irachena, si rifornisce la popolazione siriana, ma la risoluzione che prevede ciò scadrà il 10 gennaio 2020. La seduta del Consiglio di sicurezza Onu era funzionale a rinnovare la misura. E  Ursula Mueller (nella foto), vicecapo delle operazioni di aiuto delle Nazioni Unite, si dichiara estremamente preoccupata per l’evenienza che il Consiglio di sicurezza non trovi una soluzione immediata.

COMMENTI