Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati, obiettivo da rivedere per il fondo zakat

27/08/2019 di Redazione

Il Refugee Zakat Fund delle Nazioni Unite ha superato l’obiettivo di 26 milioni di dollari per il 2019, raccogliendone 38,15 milioni dai contributi ricevuti nella prima metà dell’anno, che hanno permesso di aiutare 648.476 sfollati interni e rifugiati.

L’ Agenzia sta ora rivedendo l’obiettivo del 2019, incrementandolo del 69,2 per cento , ovvero fino a 44 milioni di dollari, al fine di aiutare oltre 1 milione di persone.

Il responsabile dei partenariati del settore privato dell’Agenzia nella regione del Medio Oriente e del Nord Africa, Houssam Chahin, ha affermato che i fondi raccolti sono “una testimonianza del ruolo strumentale che la filantropia islamica può svolgere nella risposta umanitaria alla crisi degli sfollati a livello globale”.

Il 93%, ovvero 35,5 milioni, dei 38,15 milioni raccolti fino al 30 giugno, proveniva da donatori di grandi dimensioni e privati ​​principalmente dagli Emirati Arabi Uniti, dall’Arabia Saudita, dal Qatar, dagli Stati Uniti e dall’Egitto, mentre 2,6 milioni di dollari sono stati raccolti online, di cui 2,2 milioni ricevuti durante il Ramadan.

Nella prima metà del 2019, 15,9 milioni dei fondi raccolti dallo zakat sono stati distribuiti ai rifugiati in Yemen, Libano, Iraq, Egitto, Giordania, Mauritania e Bangladesh.

Lo Yemen ha fatto la parte del leone, con 13,5 milioni di contributi, seguito da Giordania e Libano.

Inoltre, circa 522.530 dollari sono stati erogati a beneficio di circa 670.000 rifugiati rohingya in Bangladesh, con distribuzione attualmente in corso, mentre il Bangladesh riceverà un totale di 22,7 milioni dei fondi raccolti fino a giugno.

L’Agenzia ha dovuto identificare nuove fonti di finanziamento per sostenere la risposta umanitaria a situazioni come quella affrontata da circa 960.000 rifugiati dal Myanmar ospitati in Bangladesh, se si considera che gli stessi hanno ricevuto meno del 30% dei 307,6 milioni di dollari necessari per il 2019.

Secondo Indrika Ratwatte, direttore dell’Ufficio regionale dell’Asia del Pacifico, la filantropia islamica deve ancora realizzare il suo pieno potenziale all’interno del settore umanitario globale ed è responsabilità delle Nazioni Unite incanalare efficacemente questo potenziale, non solo per affrontare le esigenze umanitarie immediate dei rifugiati, ma per fornire loro un futuro sicuro e sostenibile.

Il Refugee Zakat Fund è stato lanciato ad aprile, come nuova struttura del suo programma zakat, iniziato nel 2016. È un conto, aperto in Svizzera, dedicato e senza interessi, ma che sembrerebbe essere insufficiente a soddisfare le esigenze dei rifugiati più vulnerabili e le famiglie sfollate all’interno dei paesi dell’Organizzazione per la cooperazione islamica (OIC).

COMMENTI