Home Attualità Regno Unito: allevamento britannico e fornitura di agnelli per Qurbani
Regno Unito: allevamento britannico e fornitura di agnelli per Qurbani

Regno Unito: allevamento britannico e fornitura di agnelli per Qurbani

0

Mentre i musulmani di tutto il mondo si preparano per la festa annuale del ringraziamento o del sacrificio, molti si stanno adioperando per prendere accordi per procurarsi animali idonei da offrire per il Qurbani (Sacrificio). Nel Regno Unito, i musulmani devono effettuare un ordine con un macellaio locale o direttamente con un macello, affinché il rito venga eseguito per loro conto, poiché la macellazione personale diretta di animali è proibita dalla legge britannica. La legge è in vigore principalmente per la protezione del benessere degli animali e la salvaguardia della sicurezza alimentare. Mentre i musulmani di prima generazione hanno storicamente offerto il loro Qurbani all’estero, molte famiglie musulmane di seconda e terza generazione stanno cercando di esibirsi localmente. Gli acquirenti musulmani possono essere certi che gli agricoltori del Regno Unito dispongono di adeguati sistemi di allevamento per produrre gli animali idonei nelle giuste quantità, al fine di soddisfare i requisiti del rito, per tutti coloro che lo celebrano nel Regno stesso.

Quando si scelgono gli animali è necessario prendere in considerazione alcuni elementi importanti, ovvero:

– gli agnelli devono aver raggiunto la maturità sessuale, questo è interpretato dagli studiosi islamici nel senso di un minimo di sei mesi;

– gli animali dovrebbero essere il più naturali possibile e sottoporsi a un numero minimo di procedure invasive (ad esempio gli agnelli da ram sono preferiti a quelli castrati, gli animali non legati sono preferibili a quelli aggrappati alla coda);

– gli animali non dovrebbero essere feriti (ad es. animali con corna rotte, ipovisione, zoppi o quelli con denti rotti);

– gli animali non dovrebbero essere emaciati, questo assicura la massimizzazione della resa della carne.

Come terzo maggiore esportatore di carne ovina al mondo, gli agricoltori in Gran Bretagna sono in grado di fornire il numero richiesto di animali che soddisfano i severi requisiti del Qurbani. L’allevamento di bestiame in Gran Bretagna è altamente regolamentato e opera secondo alcuni dei più alti standard di benessere degli animali nel mondo. Le aziende agricole sono sottoposte a numerose ispezioni durante tutto l’anno (ad esempio, ispezioni nell’ambito del regime del “Red Tractor”, sistema -questo- di controllo, verifica e tracciabilità del cibo) per garantire l’elevato benessere degli animali e assicurare ai consumatori che il cibo che arriva al loro tavolo è sicuro, tracciabile e prodotto in modo responsabile dagli agricoltori. Le ispezioni e i quadri normativi gettano solide basi per raggiungere uno dei sistemi di produzione più sicuri e sostenibili dal punto di vista ambientale ed è coerente con i requisiti islamici per il benessere degli animali durante l’allevamento e la gestione della natura (Khilafa). Gran parte del terreno agricolo nel Regno Unito è adatto solo per il pascolo degli animali e offre le condizioni ideali per produrre animali sani. Le condizioni meteorologiche prevalenti forniscono un clima favorevole per la crescita delle praterie e questo significa che le pecore vengono allevate principalmente sull’erba, sia in Inghilterra, nel Galles o in Scozia, ottenendo un ottimo sapore di carne. I sistemi di allevamento a base di erba assicurano inoltre che la carne prodotta sia coerente con il concetto tayyib (salubrità) di Halal. Gli agricoltori britannici sono orgogliosi di ciò che fanno, producono carne di agnello e di pecora tutto l’anno e riconoscono chiaramente l’importanza del mercato halal, quindi sono desiderosi di continuare a fornire animali di qualità per soddisfare le esigenze del settore.

Lascia un commento

ULTIMI ARTICOLI



Moda Islamica Italiana, a settembre la prima “Boutique” Halal di alto livello creata da un’italiana musulmana

Non sarà un semplice negozio di abbigliamento islamico, ma una vera e propria Boutique Halal di altissimo livello, che non ha pari in Italia, infatti gli standard qualitativi, non verranno applicati solo ai servizi e prodotti offerti, ma anche all’arredamento interno. I locali saranno arredati in stile Shabby Chic, offrendo al visitatore un’esperienza sensoriale, tramite […]

Zain Group è il sistema EyePay in Iraq per UNCHR

Zain Group, il principale servizio di telecomunicazioni mobili in otto paesi nel Medio Oriente e in Africa, annuncia il rivoluzionario sistema “Zain Cash”, un sistema “EyePay”, di pagamento elettronico basato sul riconoscimento del’iride. Questo servizio è stato sviluppato insieme alla IrisGard, una società di commercio elettronico con sede nel Regno Unito, fornitrice leader di tecnologia […]

Otto ragazze emiratine, tentano la scalata del Kilimangiaro

Otto giovani ragazze emiratine, tutte di età inferiore ai 18 anni, stanno compiendo in Africa, un grande evento sportivo, che servirà a sensibilizzare e incoraggiare le ragazze del proprio paese, a seguire e attuare i propri sogni: “la scalata del monte più alto del continente, il Kilimangiaro”. Le ragazze avranno 8 giorni di tempo per […]

Egitto, Gran Museo Egizio simbolo di collaborazione con il Giappone

Il Gran Museo Egizio (GEM), che aprirà nel 2022, è già un faro per la futura prosperità egizia. Costruito per mostrare la civiltà e il patrimonio egiziano, il museo ospiterà migliaia di monumenti e manufatti tra cui le mummie, oltre a ospitare un centro di restauro molto importante che contribuirà a preservare il patrimonio faraonico […]

L’Imam del Centro Islamico di Milano e Lombardia, rimprovera Salvini per l’uso dei simboli religiosi

A darne notizia è l’Adnkronos, dove afferma, che l’Imam del Centro Islamico di Milano e Lombardia Ali Abu Shwaima, abbia rimproverato tramite l’agenzia di stampa, il Ministro degli Interni Matteo Salvini, per i frequenti richiami ai simboli religiosi:”deve rappresentare tutto il popolo italiano e non solo una parte“, “Salvini non può presentarsi come fedele in Senato” e “deve […]

​Firenze, al via i corsi di lingua italiana per stranieri

​Sono aperte le pre-iscrizioni ai nuovi corsi di lingua italiana per adulti che si terranno da ottobre 2019 alla Biblioteca Pietro Thouar e alla BiblioteCaNova Isolotto. I corsi sono gratuiti.

Francia, tre giorni di dialogo tra cristiani e musulmani

E’ strutturato su 3 giorni, e finir domenica 25, l’evento di dialogo tra cristiani e musulmani per i ragazzi dai 18 ai 35 anni, incentrato sul Documento sulla fratellanza umana per la pace mondiale e la convivenza comune, firmato da Papa Francesco e dal Gran Imam Ahmad Al-Tayyib di Al-Azhar ad Abu Dhabi. Il Documento sarà presentato […]

UAE, si dimette l’Amministratore di Takaful Emarat Insurance

L’amministratore delegato di Takaful Emarat, Fadi Jawdat Hindi, ha rassegnato le dimissioni a decorrere dal 18 agosto, secondo quanto dichiarato dalla società il 19 agosto, che, però, non ha fornito alcuna spiegazione sul gesto del suo Ceo. Inoltre, non è stato ancora annunciato il nome del successore. L’assicuratore, conforme alla Shariah, ha registrato 1.187.575 dirham […]